Ghostbusters: Legacy, Jason Reitman:"Ecco com'è nato QUEL cameo"

Ghostbusters: Legacy, Jason Reitman:'Ecco com'è nato QUEL cameo'
di

I fan di Ghostbusters sapevano sin dalla produzione del film che nel sequel Legacy avrebbero visto il ritorno di Bill Murray, Dan Aykroyd, Ernie Hudson e Sigourney Weaver. Jason Reitman ha richiamato nel cast gli eroi dei primi due film diretti dal padre Ivan negli anni '80. Ma Legacy contiene anche un cameo davvero inaspettato.

Non proseguite nella lettura della news se non volete leggere spoiler di Ghostbusters: Legacy, l'ultimo capitolo del franchise, diretto da Jason Reitman.

Se nella sequenza di apertura s'intravede la figura di Egon Spengler che muore, ucciso da un fantasma, il finale del film ha visto una figura somigliante a Ramis che giunge in aiuto ai suoi ex colleghi e amici, oltreché a sua figlia e ai suoi nipoti nell'affrontare degli spiriti maligni. Jason Reitman ha raccontato l'approccio avuto per la sequenza, con l'approvazione della famiglia Ramis. Nel frattempo Dan Aykroyd è pronto a tornare sul set, e ha dichiarato che farebbe molti altri film di Ghostbusters.

"La prima persona che ha letto la sceneggiatura è stata mio padre, e dopo mio padre è stata la famiglia Ramis. Sono cresciuto conoscendo la vedova Ramis, Erica, e la figlia Violet. Eravamo entrambi sul set del film originale nel 1983. Ho parlato con loro di ciò che volevamo fare e di come lo avremmo fatto. Sono venute sul set e hanno visto gli effetti visivi che arrivavano in sala di montaggio. Sono state le prime persone a vedere il film. Quindi hanno fatto parte di tutto questo dall'inizio alla fine e penso che fossero consapevoli di quanto volessi onorare Harold. Egon era il mio ghostbuster preferito. Questa è una storia di Spengler e questo film è in ogni modo dedicato a lui".

Reitman jr. ha proseguito:"La vera domanda quindi era:'Come riuscirci?'. Chiunque ami i film contemporanei ha visto esempi di personaggi virtuali che funzionano davvero e personaggi virtuali difficili da guardare. Una cosa è vederlo a metà film, e un'altra è nel climax finale del film, dove devi credere al fatto che queste due persone si stanno davvero abbracciando. Che una figlia decida di perdonare il padre salutandolo per sempre. E che quegli acchiappafantasmi che hanno vissuto così tante incomprensioni, tanto da finire divisi dalla vita ora siano di nuovo uno a fianco all'altro ancora una volta per sconfiggere un fantasma".

Scoprite la nostra recensione di Ghostbusters: Legacy, diretto da Jason Reitman.

FONTE: Comicbook
Quanto è interessante?
2