Gabriele Muccino nella bufera dopo un post su Halloween: 'Una forzatura, meglio Carnevale'

Gabriele Muccino nella bufera dopo un post su Halloween: 'Una forzatura, meglio Carnevale'
di

Gabriele Muccino non sembra particolarmente interessato a guadagnarsi le simpatie del pubblico in questi ultimi tempi: dopo la ben nota polemica sui David di Donatello che tante critiche costò al regista de L'Ultimo Bacio, infatti, una nuova uscita del nostro a tema Halloween ha fatto letteralmente infuriare gli utenti di Twitter.

"Passato Halloween? Era ora. Il carnevale era gioioso, era nostro. Halloween è di importazione pagana che non ha nulla a che fare con la nostra cultura. Una forzatura e un giro di affari insopportabile. A Carnevale diventavi Cenerentola, Luke Skywalker… Non Jack lo Squartatore!" si leggeva nel post di Muccino, poi cancellato nel giro di poche ore in seguito alla valanga di risposte tutt'altro che amichevoli.

Il regista de La Ricerca della Felicità, però, ha deciso poco dopo di rincarare la dose: "Ma davvero davvero non si può fare una battuta oggettiva sul fatto che sia di fatto una festa importata recentemente (negli anni ‘80 era cosa USA quanto il thanksgiving) che reagite così?! Azzannate pure con comodo! Io osservo lo spettacolo con incredulità e meraviglia. Daje!" si legge in un tweet successivo.

Certo è che la reazione di Twitter è sembrata leggermente eccessiva visto l'argomento, ma non si può dire che Muccino non ce la stia mettendo tutta a risultare impopolare, da qualche mese a questa parte! Recentemente, intanto, il regista si fece notare per un elogio a Gli Anni più Belli pubblicato proprio sul suo profilo Twitter.

Quanto è interessante?
7