Marvel

La figlia di Stan Lee si schiera con Sony e attacca Marvel e Disney nell'affair Spider-Man

La figlia di Stan Lee si schiera con Sony e attacca Marvel e Disney nell'affair Spider-Man
di

Il divorzio Marvel - Sony sulla co-gestione di Spider-Man continua a generare polemiche e commenti, questa volta arrivati online grazie a TMZ, che ha avuto l'ardire di contattare JC Lee, figlia del compianto Stan Lee, per un commento sulla situazione, rivelatosi piuttosto acceso e per molti versi sorprendente.

Apparentemente preoccupata per una questione di anti-trust, in relazione a un dominio totale del mercato da parte della Disney, la Lee ha espresso interesse nel vedere le creazioni di suo padre "controllate e ben equilibrate" nel mentre del loro sviluppo cinematografico. Ha così dichiarato: "La Marvel e la Disney che cercano il controllo totale delle creazioni di mio padre devono essere controllate e riequilibrate da altri che, pur cercando ovviamente profitto, hanno un sincero rispetto per Sten Lee e la sua eredità".

Nonostante l'ottimo rapporto di collaborazione tra Stan Lee, la Disney e i Marvel Studios, JC Lee ha poi voluto esprimere preoccupazione per una totale assenza di comunicazione da parte della compagnia nel momento della morte del padre: "Quando si è spento mio padre, nessuno dei dirigenti Disney o Marvel mi ha contattato. Fin dal primo giorno, hanno modificato il lavoro di mio padre e non hanno mai mostrato a lui o alla sua eredità alcun rispetto o parvenza di decenza".

E alla fine un attacco pesante e frontale: "Alla fine, nessuno avrebbe potuto trattare mio padre peggio dei dirigenti dei Marvel Studios o della Disney".

Cosa ne pensate?

Quanto è interessante?
8