Fast & Furious, The Rock torna sul litigio con Vin Diesel: "siamo filosoficamente diversi"

Fast & Furious, The Rock torna sul litigio con Vin Diesel: 'siamo filosoficamente diversi'
di

Dwayne Johnson e Vin Diesel hanno litigato sul set dell’ottavo capitolo del franchise di Fast & Furious e The Rock ha recentemente rivelato in un’intervista a Vanity Fair che i membri della produzione lo hanno ringraziato dopo aver chiamato Vin Diesel "candy ass" sui social, sembra che la faida non sia ancora finita.

Nel 2016 Johnson ha condiviso un video su Instagram, ora rimosso, dietro le quinte dell’iconica scena di lotta in prigione con Jason Statham. Ma nei commenti si è lasciato andare: “La Universal è stata una grande partner. Le mie co-star femminili sono sempre fantastiche e le amo. I miei co-protagonisti maschili sono però un caso a parte. Alcuni si comportano come veri professionisti, mentre altri no. Quelli che non lo fanno sono troppo codardi per fare qualcosa a riguardo. Candy Ass. Quando guarderete questo film il prossimo aprile e vi sembrerà che io non stia recitando in alcune di queste scene e che il mio sangue stia legittimamente bollendo…avete ragione.”

Tradotto letteralmente Candy Ass sarebbe “sederi a caramella”, ovvero persone protette dai piani alti. La faida stessa è stata ben documentata nel corso degli anni. Johnson ha ammesso il suo rammarico a Vanity Fair per aver reso pubbliche le sue frustrazioni su Diesel, ma sostiene tutto ciò che ha detto.

"Non è stato il mio giorno migliore perché ho scelto di condividerlo con il mondo. Ha causato una tempesta di fuoco. Eppure, in modo abbastanza interessante...era come se ogni singolo membro della produzione avesse trovato la sua strada verso di me e mi avesse ringraziato silenziosamente o mi avesse inviato una nota", ha aggiunto. “Ma, sì, non è stato il mio giorno migliore. Non avrei dovuto condividerlo. Perché in fin dei conti, questo va contro il mio DNA. Non condivido cose del genere. E mi prendo cura di quel tipo di stronzate lontano dal pubblico. Non hanno bisogno di saperlo. Ecco perché dico che non è stato il mio giorno migliore. Volevo dire quello che ho detto. Di sicuro. Intendo quello che dico quando lo dico", ha aggiunto Johnson. "Ma esprimerlo pubblicamente non era la cosa giusta da fare".

Johnson ha anche confermato le voci secondo cui ha incontrato Diesel dopo che il post è diventato virale, ma ha aggiunto: "Non lo definirei un incontro pacifico. Lo definirei un incontro di chiarezza. Io e lui abbiamo fatto una bella chiacchierata nella mia roulotte, ed è stato da quella chiacchierata che è diventato davvero chiaro come il cristallo che siamo filosoficamente due persone diverse e ci avviciniamo al business del cinema in due modi molto diversi", ha detto Johnson a Vanity Fair.

“È la filosofia dell'andare al lavoro ogni giorno. Guardare tutti come partner alla pari. E guardare allo studio come partner alla pari. E guardando la crew, indipendentemente da dove ti trovi, sul foglio di chiamata o altro, come partner alla pari, con rispetto e umiltà, ed essendo rispettoso del processo e di ogni altro essere umano che sta mettendo altrettanto tempo, altrettanto duro lavoro e sudore, se non di più. E penso che sia sempre stato importante per me essere sempre diretto e guardare qualcuno negli occhi. E se dici che farai qualcosa, fallo".

Diesel ha riaperto la faida a giugno dopo aver spiegato alla rivista Men's Health che la fonte della tensione era "dare amore duro" a Johnson per portare la sua recitazione "dove doveva essere".

Diesel ha aggiunto: “Ci è voluto molto lavoro. Dovevamo arrivarci e a volte, in quel momento, potevo dare un sacco di amore duro. Non felliniano, ma farei qualsiasi cosa per ottenere prestazioni artistiche in tutto ciò che sto producendo".

Cosa pensa Johnson della spiegazione di Diesel? "Una parte di me sente che non c'è modo di nobilitare quelle stronzate con una risposta", ha detto a Vanity Fair. “Ma ecco la verità… io entro in ogni progetto dando il massimo. E se sento che ci sono alcune cose che devono essere sistemate, gestite e curate, allora lo faccio. Ed è così semplice. Quindi quando l'ho letto, proprio come tutti gli altri, ho riso. Ho riso forte. Abbiamo riso tutti. E da qualche parte sono sicuro che anche Fellini sta ridendo".

Certamente questa nuova intervista non contribuirà a spegnere le polemiche tra le due star, e voi che ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Vi lasciamo con la nostra recensione di Fast & Furious 9 e con la data di uscita di Fast & Furious 10.

FONTE: IW
Quanto è interessante?
2