Per Ewan McGregor Birds of Prey ci mostrerà che aspetto ha davvero la misoginia

Per Ewan McGregor Birds of Prey ci mostrerà che aspetto ha davvero la misoginia
di

Birds of Prey si qualifica già come una delle pellicole più attese del prossimo anno, e se ci aggiungiamo anche la presenza di Ewan McGregor, l'hype non può che aumentare. Ma proprio McGregor ci tiene a spiegare perché il film diretto da Cathy Yan è diverso dagli altri, soprattutto per quanto riguarda la questione della misoginia.

McGregor, che in Birds of Prey interpreta Black Mask (nei fumetti uno dei più grandi antagonisti di Batman e tra i più temuti boss della malavita di Gotham), ha raccontato qual è secondo lui l'aspetto più brillante del lungometraggio.

"Quello che ha catturato maggiormente la mia attenzione in Birds of Prey è che si tratta di un film femminista. È scritto veramente bene, è nella sceneggiatura che vedrete il vero aspetto della misoginia. E credo che noi [uomini] abbiamo bisogno di ciò, dobbiamo essere più consapevoli di come ci comportiamo con il sesso opposto. Dobbiamo essere educati al cambiamento" .

Ed elabora ulteriormente: "I misogini nei film sono spesso molto estremi: stuprano e picchiano le donne... Ed è legittimo rappresentarli così, perché ce ne sono di tipi così, e sono ovviamente i peggiori. Ma nei dialoghi di Birds of Prey, c'è sempre un'allusione alla misoginia nella vita di tutti i giorni, a quelle cose che diciamo noi uomini a cui non facciamo nemmeno caso, al mansplaining... Tutto questo è presente nel copione in maniera molto sottile. E io l'ho trovato brillante".

E a giudicare anche dai teaser poster e dal primo trailer ufficiale, le ragazze in BOP non la mandano certo a dire!

Birds of Prey (E La Fantasmagorica Rinascita di Harley Quinn) uscirà nelle sale italiane a febbrario 2020.

Quanto è interessante?
7