di

La Walt Disney Pictures, al fine di promuovere il nuovo adattamento live-action Dumbo, ha caricato sul proprio canale YouTube una nuova anteprima del film diretto dal visionario regista Tim Burton.

Dumbo, principe degli elefanti”. Viene chiamato in questo modo nel video promozionale pubblicato dalla Disney che trovate come al solito nella parte superiore della notizia. Davanti ad un pubblico attonito all’interno del circo il piccolo elefantino volerà assieme al personaggio interpretato dall’attrice Eva Green.

Ad una recente conferenza stampa tenutasi nella città di Los Angeles, i produttori del lungometraggio Katterli Fraunfelder e Derek Frey hanno discusso a lungo del modo in cui il team del film ha scelto di reimmaginare Dumbo per il nuovo pubblico. “L’originale film di animazione durava 63 minuti. Tim [Burton] era consapevole che la tecnologia aveva raggiunto un punto dove avresti potuto rappresentare con successo un elefante in un ambiente live-action. Sembrava proprio fatto per Tim, lui ha ovviamente realizzato in passato delle opere simili. Ogni film a cui lui prende parte non è frutto di una semplice decisione. E sa che la Disney sta tornando indietro nel proprio catalogo di film. Dumbo, tuttavia, in un certo senso è uno degli outsider originali ed i film di Tim sono popolati da personaggi del genere” ha affermato il produttore Derek Frey.

Penso che per Tim si sia trattato di una combinazione di conoscenze tecnologiche utili per far vivere questo personaggio, accostata a tutti i suoi punti di forza come animatore con il suo background Disney. È come se Dumbo fosse quasi una sua personificazione, il che è interessante. In termini di tempi, è passato così tanto tempo dall’originale. È una storia semplice, bellissima. Penso che parecchi dei temi che Ehren [sceneggiatore] ha creato siano temi universali. Si parla di famiglia, di credere in se stessi, di vincere i giudizi e la gente si rivolge a te in un certo qual senso”.

Dumbo approderà nelle sale cinematografiche italiane a partire dal prossimo 28 marzo.

Quanto è interessante?
2