Euganea Festival 2013: il programma dell'evento

INFORMAZIONI FILM
di

Euganea Festival nasce quest'anno come naturale prolungamento dell'ormai storico e consolidato Euganea Film Festival, giunto quest'anno alla 12° edizione. Si tratta infatti si una sorta di casa comune che ospita al suo interno eventi già conosciuti, come appunto l'Euganea Film Festival ma che si apre anche a iniziative inedite come le proiezioni di film documentari a tematica ambientale in tante rinomate cantine e aziende dei colli o il festival Paesaggi con vista, quest'anno alla sua prima edizione.

Un'iniziativa nata dall'associazione Euganea Movie Movement, per dare forma concreta alle tante sinergie artistiche e organizzative che si sono raccolte intorno all'Euganea Film Festival in questi dieci anni. Ma anche una risposta alla necessità per associazioni e amministrazioni di comunicare  e promuovere il territorio e i suoi eventi in modo organico e economicamente sostenibile.
"L'Euganea Festival - ha sottolineato Franco Zanovello nella conferenza stampa tenutati oggi alla sede di Banca Etica-  si ė strutturato come ricerca culturale che ha richiesto uno sforzo notevole nell'attuale congiuntura economica allo scopo di ricercare non solo la possibilità di un incontro sociale, ma anche una responsabilizzazione estetica nei confronti di un territorio che dipende da noi"
Si cresce e si cambia, ci si arricchisce di nuovi compagni viaggio, di nuove proposte, di nuovi panorami e nuovi stimoli, per non fermarsi, per rimanere in movimento, attenti a tutto ciò che di nuovo e originale si muove, itineranti com'è nello spirito del festival e del suo Cinemambulante. 

Un calendario fitto e organico quello di Euganea Festival 2013, che si snoda nell'arco di 8 settimane, dal 28 giugno al 15 agosto, e che accoglie oltre al cinema, eventi di musica, teatro, escursioni, degustazioni e tanto altro ancora. Moltissimi gli ospiti: oltre agli artisti che si esibiranno durante gli spettacoli ci saranno i tanti registi italiani e stranieri che quasi ogni sera verranno a presentare i loro film.
Il festival si inaugura il 28 giugno con un'anteprima assoluta: il concerto di Lorenzo Moguzzi, voce e chitarra dei Mercanti di Liquore che presenta brani inediti contenuti nel suo primo album da solita che uscirà in autunno. La serata vedrà come ospite speciale Marco Paolini, che con Monguzzi ha condiviso il palco di tanti suoi spettacoli e dirette televisive.Tutto questo nello straordinario scenario naturale dell'Anfiteatro del Venda, luogo magico nascosto tra i vigneti dell'azienda vitivinicola Ca'Lustra.
Ma è soprattutto un'estate di cinema, grazie all'Euganea Film Festival, che non tradisce le aspettative regalando anche quest'anno una rassegna ricchissima. Si parte il 30 giugno, a Este, con Memorie Euganee, un progetto di recupero della memoria, attraverso la raccolta di filmati amatoriali in formato 8mm, super8 e 16 mm. E' un modo di conservare la memoria collettiva e di restituire alle comunità i ricordi impressi sulla pellicola, che altrimenti sarebbero perduti col passare del tempoNel corso della giornata ci sarà la proiezione di film realizzati dagli studenti dell'Università IUAV di Venezia a partire dai materiali d'archivio e il film Formato ridotto che vede la collaborazione di importanti scrittori come Wu Ming, Enrico Brizzi, Emidio Clementi.Durante il pomeriggio chiunque potrà portare delle bobine in super8 e vederle proiettate.
Il 5, il 6 e il 7 luglio Este accoglie il Festival con tre giorni interamente dedicati al cinema d'animazione, con proiezioni, workshop ed eventi speciali. Venerdì 5 luglio ai Giardini del Castello oltre ai film in concorso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Torino presenta una selezione di cortometraggi d'animazione provenienti da tutto il mondo.  Sabato e domenica, invece, il Chiostro San Francesco ospiterà laboratori e workshop: si va dal laboratorio di disegno animato tenuto dalla regista Paola Luciani, a quello di precinema organizzato da Chiara Veronesi, fino alla divertente esperienza di animazione a passo uno della regista Franca Ferrario.In chiusura domenica sarà proiettato in piazza il film d'animazione di Tim Burton Frankenweenie e a presentarlo ci sarà Angela Poschet che al film ha collaborato.
Novità di quest'anno è il progetto Cinema in cantina, con il coinvolgimento di alcune tra le più importanti cantine e aziende agricole dei colli. Negli spazi messi a disposizione verranno proiettati una serie di film legati a tempi ambientali ed enogastronomici. Per ogni serata sarà possibile degustare il vino della cantina e godersi il film.Si comincia il 2 luglio con God Save The Green, documentario di Michele Mellara e Alessandro Rossi in proiezione presso l'az. ag. Vignale di Cecilia di Baone (PD). Un racconto che si dipana attraverso un territorio comune raggiungendo poi un respiro globale tramite la riflessione sul valore dell'ambiente come risorsa collettiva.Il 23 luglio al Castello della Montecchia a Selvazzano con il film documentario Slow Food Story di Stefano Sardo che ripercorre la storia del fondatore di Slow Food Carlo Petrini.Il 30 luglio alla Fattoria Monte Fasolo a Cinto Euganeao con il film Senza trucco, le donne del vino biologico, documentario di Giulia Graglia che racconta le vicende di alcune tra le più importanti produttrici di vino biologico in Italia.
Del tutto nuovo è anche il rapporto con Banca Etica e con La Costigliola, azienda biologica di Rovolon e centro sullo sviluppo sostenibile gestita proprio da Banca Etica. Qui sarà possibile vedere nel week end del 13 e del 14 luglio alcuni tra i migliori documentari in concorso. La collaborazione si è spinta anche alla creazione di un premio speciale Legalità al cinema - Premio Banca Etica che verrà consegnato domenica sera da un ospite speciale.Nel corso delle serate sarà possibile cenare con la cucina biologica dell'azienda e degustare il loro vino.
Tante le serate come ormai da tradizione con il Cinemambulante, il furgone attrezzato che si sposta tra i tanti comuni. Saremo il 10 luglio al Castello Catajo a Battaglia Terme, al meraviglioso Parco delle Ginestre a Baone l'11 luglio, al Parco delle Fiorine a Teolo il 12 luglio con l'ormai mitica proiezione sul prato e l'omaggio a Piero Tortolina che quest'anno propone Una pallottola per Roy, capolavoro noir di Raul Walsh con Humprhrey Bogart.
Il festival chiude come da tradizione al Castello Cini di Monselice, dove per tre giorni (18, 19, 20 luglio) si vedranno oltre al film Il comandante e la cicogna di Silvio Soldini tanti corti e documentari in concorso. Da non mancare la serata di domenica con le premiazioni e le proiezioni a seguire dei film premiati.
A ciò si aggiungono i tanti eventi speciali. Il premio Ruggero Gamba - Creatività e territorio assegnato quest'anno allo sceneggiatore Marco Pettenello che vedrà la proiezione del film da lui sceneggiato e diretto da Andrea Prandstraller Non è mai colpa di nessuno. Il tutto all'Antica Osteria Ballotta a Torreglia martedì 9 luglio.La serata di proiezione del film documentario Ora si ferma il vento di Marco Segato seguita dal concerto della Libera Cantoria Pisani alla Villa Buzzaccarini di Marendole (Monselice) il 2 agosto.
L'esperienza musicale è vera co-protagonista dell'intera rassegna grazie alla partecipazione dell'ensemble acustico degli Zephyros, all'evento Venetian Women in Blues, e alle suggestioni dell'Orchestra Popolare delle Dolomiti tutti e tre presso l'Anfiteatro del Venda a Galzignano.
Fra le novità di quest'anno spicca sicuramente Paesaggi con vista a cura di Vasco Mirandola e Roberto Tombesi. Festival nel festival, l'iniziativa, nata dall'idea di Franco Zanovello, è strutturata nell'arco di tre giornate, dal 12 al 14 agosto a Galzignano e si pone l'obiettivo di coniugare in un'unica esperienza teatro, musica, letteratura ed escursioni in un'intima esplorazione dei magnifici panorami offerti dai Colli Euganei, un paesaggio da abitare e da riscoprire. È proprio l'innovativa esperienza di Paesaggi con vista a chiudere quest'edizione del Festival con la Notte Bianca (14 agosto), un'occasione per ritrovarsi fra amici e raccontare la magia e il fascino di questo territorio. Molti gli ospiti per una lunga festa sotto le stelle con tante sorprese e buona musica.
«Vogliamo riflettere sul paesaggio attraverso un'esplorazione fisica e mentale-artistica del territorio - racconta Vasco Mirandola, insieme a Roberto Tombesi, curatore di Paesaggi con Vista- L'obiettivo e' quello di creare uno spazio-contenitore capace di riaffermare il contesto dei colli Euganei».
Anche quest'anno Euganea Festival si conferma una rassegna in continua evoluzione, capace di coniugare al suo interno non solo il cinema indipendente, ma anche la musica, il teatro, l'arte e l'ambiente. Un progetto pensato per un turismo culturale, naturalistico e sostenibile, rivolto non solo al territorio, ma pronto a conquistare un pubblico attento alle proposte innovative, curioso, lontano dai circuiti del turismo di massa che scelga di vivere un'esperienza coinvolgente nel Parco dei Colli Euganei.
Un festival in equilibrio armonico con i luoghi meravigliosi che lo ospitano, che cerca di spegnere i riflettori invece che accenderli, per lasciare le stelle a illuminare la notte e rendere ogni serata un'esperienza unica e irripetibile.
"Si vuole far diventare l'Euganea Festival palestra per la mente e lo spirito- ha chiosato il "camminante" Toni Mazzetti-  arrivando quasi a definirlo un'operazione politica che vuole risvegliare una coscienza culturale comune".
Il festival è realizzato con sostegno della Regione del Veneto, della Provincia di Padova, di Fondazione Antoveneta, di Banca Etica, con i comuni di Este, Monselice, Teolo, Cinto Euganeo, Battaglia Terme, Baone, Galzignano, Torreglia, Rovolon, in collaborazione con i tanti viticultori e produttori che mettono a disposizione i loro prodotti e i loro spazi, come per lo straordinario Anfiteatro del Venda, nascosto tra i vigneti di Ca'Lustra.

Quanto è interessante?
0