Encanto, ecco com'è nato il popolare brano Non si nomina Bruno

di

Se avete già visto Encanto (o anche solo se siete abbastanza attivi sui social) ci sono altissime probabilità che non siete ancora riusciti a togliervi dalla testa una certa canzone, e al 100% la canzone in questione è Non si nomina Bruno. Ci abbiamo preso, vero? Scoprite allora com'è nato il brano.

Non si nomina Bruno (in originale We Don't Talk About Bruno) è diventato in pochissimo tempo uno dei brani più diffusi e cantati dei film d'animazione Disney, conquistando spettatori, classifiche e social.

Dopotutto, il motivetto accattivante che accompagna la complicata storia della "pecora nera" di casa Madrigal è uno di quelli che una volta sentiti, è impossibile non canticchiarli fino a un paio di giorni dopo (il minimo sindacale che deciderà di rimanervi in testa anche solo dopo il primo ascolto).

Ma com'è nata l'ispirazione per questa canzone? A rivelarlo sono i creatori di Encanto che, assieme a Lin-Manuel Miranda, hanno tenuto una sessione di brainstorming via videochat non appena trovato il nome giusto per il personaggio.

A quanto pare, l'autore di Hamilton ha iniziato a scherzare sul fatto che volesse realizzare una canzone un po' spooky, che ricordasse anche un po' il genere musicale cubano noto come "son montuno". Poi, dal nulla, Miranda ha iniziato a comporre il motivo del brano.

"Potevamo vedere Lin pensare e pensare. Poi ci guarda e fa 'Sembra un po' una storia di fantasmi, come uno 'spooky montuno'. Si gira verso il pianoforte e inizia a suonare. Lo abbiamo letteralmente visto comporre la canzone in quello stesso momento. Non avevamo mai visto una cosa del genere" spiegano i registi Jared Bush, Byron Howard e Charise Castro-Smith.

In seguito, Miranda ha registrato una demo in cui cantava tutte le 10 parti della canzone da solo, e con l'aiuto di uno storyboard e questo audio, unito a dei ballerini colombiani usati come riferimento, gli animatori hanno realizzato la sequenza su pellicola, che a causa della pandemia è stata poi registrata in separata sede dagli attori, ognuno per conto proprio.

"Abbiamo dovuto costruire tutto da zero, partendo dalla nostra immaginazione. Ma a renderlo davvero unico è stato l'aiuto di un gruppo di ballerini sudamericani che hanno capito fin da subito cosa volevamo" concludono Bush, Howard e Castro-Smith.

E a voi è piaciuto il film? A questo link trovate la nostra recensione di Encanto.

Quanto è interessante?
2