Edward Norton spiega perché Fight Club ha fallito al botteghino

Edward Norton spiega perché Fight Club ha fallito al botteghino
di

Siamo abituati a considerare Fight Club come un film di culto, eppure il debutto al cinema non è stato dei migliori, con circa 100 milioni di dollari di incasso a fronte di un investimento di 63 milioni. Edward Norton, indimenticabile nei panni del protagonista, ha spiegato perché secondo lui c'è stata una tiepida accoglienza al botteghino.

Nel corso di un'intervista concessa a PeopleTV, l'attore ha raccontato che la campagna pubblicitaria non è stata ben focalizzata, in quanto si concentrava maggiormente sulle sequenze violente o su quelle di azione, fallendo a sottolineare la natura satirica e da commedia nera dell'opera.

"Penso che da parte delle persone che dovevano occuparsi del marketing ci fosse della riluttanza ad abbracciare l'idea che fosse divertente e penso che si sentissero accusati dal film", ha spiegato Norton. "Se ti immedesimi nel personaggio che nel film è il mio capo, tenderai a non apprezzarlo".

Per fortuna, il lungometraggio diretto da David Fincher trovò maggiore fortuna con la distribuzione in DVD, che ha portato a un dominio del mercato home video, e Norton ha raccontato di apprezzare come sia evoluto il rapporto con il regista, ma anche con il collega Brad Pitt: "abbiamo tutti provato l'esperienza speciale di comprendere che la relazione instaurata tra noi era tutto ciò che uno sogna quando inizia a lavorare ai film".

Norton riconosce che l'avvio stentato non ha portato Fight Club a contendersi premi e riconoscimenti, ma sul lungo periodo è riuscito a "definire una generazione" ed "è meglio così", chiosa l'attore.

Nei giorni scorsi, Norton ha voluto indicare il suo interprete di Hulk preferito e ha anche lasciato una porta aperta per un eventuale ritorno nel Marvel Cinematic Universe, magari nei panni del cattivo.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
6