Ecco come i film manipolano il nostro cervello per farci divertire

di

HOLLYWOOD, California - C'è una sequenza d'azione davvero folle poco dopo l'nizio di Iron Man 2 in cui Tony Stark incontra Ivan Vanko, uno scienziato russo che indossa una tuta robotica con fruste elettrificate come arma. La sequenza si svolge durante il Gran Premio di Monaco, dove Stark è impegnato in una competizione, mentre Vanko fa a fette le vetture di Formula 1 come nulla fosse in attesa di affrontare Iron Man, la ricordate ?

Per tutti noi che siamo andati a vedere Iron Man 2, la scena è stata senza ombra di dubbio la quinta essenza degli effetti speciali Hollywoodiani. Per gli scienziati invece si tratta di una finestra nel nostro cervello. Ad un recente evento organizzato dall'Academy of Motion Picture Arts and Sciences, neuroscienziati e psicologi cognitivi si sono riuniti con i registi per discutere di ciò che entrambi i gruppi hanno acquisito attraverso esperimenti e analisi minuziose. In una sequenza di Iron Man 2, per esempio, le persone sono molto coerenti nella direzione in cui dirigono il loro sguardo. Tim Smith, uno scienziato presso l'Università di Londra, ha presentato i dati di monitoraggio oculare raccolti da 75 persone mentre guardavano il filmato su uno schermo piatto. Una telecamera ha monitorato i loro movimenti oculari, e il software ha creato un fotogramma per fotogramma a mappa termica. Quando Smith ha mostrato la clip con la mappa termica eye-tracking in sovrapposizione, il punto più caldo, la zona rossa indicava le scene d'azione dei supereroi, soprattutto le loro armi e i volti, e sulle parti di automobili che rimbalzano in giro (a questo link il video). Jon Favreau, che ha diretto Iron Man 2 , era sul palco con Smith quando ha presentato la clip, e sembrava affascinato da quanto ha visto. "Tutto quello che si sta guardando è reale, e tutto ciò che non stai guardando è falso", ha detto. La scena è stata girata in un parcheggio a Downey, fuori Los Angeles.. Le barche nel porto sono state ricreate con la CGI, così come lo erano il pubblico sugli spalti durante la gara. "Prestiamo costantemente attenzione dove pensiamo che l'occhio del pubblico sta per andare, e come attirare l'attenzione in quella zona diventa la priorità all'interno di una scena che può essere falsa", ha sempre detto Favreau. "Il miglior strumento di effetti speciali è il cervello del pubblico" ha detto. "Il pubblico cuce insieme le cose in modo che abbiano un senso" . Quello su cui non si può fingere, ha detto Favreau, sono i volti e la fisica. Favreau sta lavorando ora su un adattamento di The Jungle Book, realizzato quasi tutto in CGI, tranne le facce. I volti sono semplicemente troppo difficili da falsificare in modo convincente, ha detto, anche con sofisticati sistemi di motion capture progettati per catturare ogni batter d'occhio e contrazione del viso. "E lo stesso accade con la fisica", ha detto Favreau. In Iron Man 2, il suo team degli effetti speciali ha creato repliche di Formula 1 con lo stesso peso e dimensioni come nella realtà e li ha lanciate attraverso l'idraulica o su rampe d'aria per creare il volo, che sul grande schermo diventa poi spettacolare. "Si ottiene una quantità enorme di casualità nel modo in cui queste cose rimbalzano e rotolano o si urtano e nel come colpiscono il suolo e interagiscono tra loro, creando un senso di realtà", ha detto Favreau. Altri scienziati invece vogliono sapere, per esempio, come il cervello costruisce una percezione fluida del mondo visivo. "La percezione visiva sembra come un flusso continuo, ma non lo è" ha detto. Accade invece che guardiamo una cosa alla volta, prendendo un po di informazioni qui, per poi muovere i nostri occhi e prendere altre informazioni altrove, e così via. Quindi, in un qualche modo, sorprendentemente, il nostro cervello cuce tutti questi pezzi insieme per creare un'esperienza senza soluzione di continuità. Questo è fondamentalmente ciò che hanno fatto i registi per un secolo, ha detto Smith. E' l'essenza del loro mestiere. "Come psicologo, ho capito che posso imparare molto dai cineasti".

FONTE: Wired
Quanto è interessante?
0
Ecco come i film manipolano il nostro cervello per farci divertire