Gli easter egg di IT - Capitolo 2 tra il romanzo originale, Kubrick e John Carpenter

Gli easter egg di IT - Capitolo 2 tra il romanzo originale, Kubrick e John Carpenter
di

Dopo aver parlato delle grandi differenze con il romanzo di Stephen King, vediamo una lista degli easter egg più memorabili presenti in IT - Capitolo 2 (via ComicBookMovie).

Il ritorno di Adrian Mellon

Quando Pennywise rivela al Ritchie adulto di sapere il suo segreto, ovvero il suo orientamento sessuale e i suoi interessi nei confronti di Eddie, il volantino "In Memoriam" gli viene consegnato da Adrian Mellon, il ragazzo omosessuale interpretato da Xavier Dolan che viene ucciso all'inizio del film.

Il puzzle di Stan

Stan è apparso poco nel film, essendosi suicidato all'inzio per permettere agli amici di affrontare con successo Pennywise, ma guardando con attenzione al puzzle che sta realizzando nella prima parte scopriamo che il disegno un collage di uccelli, riferimento alla sua passione per il birdwatching presente nel romanzo di Stephen King.

Gazebo

Per fermare il piano del Club dei Perdenti Pennywise bolla il loro rituale come effetto "placebo", o meglio "gazebo", richiamo alla scena del primo film in cui Eddie rimprovera la madre per avergli dato dei placebo o, come li chiama lei per errore, "gazebo".

Il rituale di Chüd

Gran parte delle trovate legate al rituale dei Perdenti sono state pensate appositamente per il film. Il romanzo originale, infatti, prevedeva un viaggio interdimensionale di Bill e la presenza di un Dio conosciuto come Maturin la Tartaruga.

Poster

Guardando attentamente nel vecchio rifugio del Club dei Perdenti possiamo notare la presenza di un poster di Ragazzi Perduti (The Lost Boys), il cult del 1987 che vedeva come protagonisti un gruppo di ragazzi alle prese con dei vampiri. Tornando all'inizio del film, invece, nel teatro dove viene presentato per la prima volta Ritchie adulto vediamo un poster di C'è posta per te con Tom Hanks e Meg Ryan.

Il cameo di Stephen King

L'apparizione a sorpresa del Maestro dell'Horror nei panni del proprietario di un negozio di antiquariato è già destinata a diventare leggenda, soprattuto per quel che riguarda lo scambio di battute metaletterarie con il Bill di James McAvoy, a sua volta scrittore e sceneggiatore.

La Cosa

Arrivati alla Neibolt House per l'ultima volta i Perdenti si ritrovano ad affrontare le terrificanti visioni create dal pagliaccio diabolico, e tra queste non possiamo non citare la testa di Stan che si trasforma in una sorta di ragno molto simile all'alieno visto ne La Cosa. Oltretutto Ritchie, vedendo questa scena raccapricciante, pronuncia la stessa frase di Palmer nel film di John Carpenter: "You've gotta be f****g kidding".

Altri cameo memorabili

Stephen King non è l'unico volto noto a essere comparso nel film di Andy Muschietti. Quando Eddie torna nella sua vecchia farmacia, infatti, uno dei clienti che appaiono sullo sfondo è proprio... Muschietti; sul set del film scritto da Bill vediamo invece che il regista è interpretato nientedimeno che da Peter Bodganovich; infine - e questo era molto difficile da notare - quando Ben è in collegamento via Skype uno degli uomini presenti nella sala riunioni è interpretato da Brandon Crane, l'attore che ha vestito i panni del giovane Ben nella miniserie di IT degli anni '90.

"Abbastanza veloce da battere il Diavolo"

La bici di Bill nel romanzo di King aveva un ruolo cruciale nella guarigione della moglie catatonica, personaggio che al di fuori dell'introduzione è stato tagliato così come il marito di Beverley, ma Muschietti ha voluto inserire un riferimento diretto al libro con la frase "E' abbastanza veloce da battere il Diavolo."

Le carriere dei Perdenti

Tutto sommato il futuro dei protagonisti dopo gli eventi del primo film è rimasto sostanzialmente fedele al libro: Bill è uno scrittore, Beverly è una fashion designer, Ben è un architetto e Mike è rimasto a Derry per controllare la situazione, ma nonostante ciò c'è stato qualche piccolo cambiamento. Eddie da proprietario di una compagnia di limousine è infatti diventato un analista nel campo delle assicurazioni, mentre Richie è uno stand-up comedian invece che un DJ.

"Sono il lupo cattivo"

Durante lo scontro finale con Pennywise, in quella che Jessica Chastain ha definito come la scena con più litri di sangue mai girata, Beverly è intrappolata in un bagno dove deve affrontare tutti i bulli incontrati nel passato, tra cui il padre. Tra questi non poteva mancare Henry Bowers, che forzando la porta del gabinetto esclama la celebre frase pronunciata da Jack Nicholson in Shining: "Sono il lupo cattivo!" (in originale "Here's Johnny").

La moglie/mamma di Eddie

L'attrice che in IT - Capitolo 2 interpreta la moglie di Eddie è Molly Atkinson, la stessa che ha vestito i panni di sua madre nel primo film: nel romanzo (e come possiamo intuire dal film), infatti, la moglie di Eddie è descritta come un riflesso della madre.

L'Overlook Hotel

Quando Bill incontra il bambino che poi non riuscirà a salvare vicino al famoso scolo, guardando attentamente possiamo notare uno skateboard che presenta un tema molto familiare: è l'iconico design della moquette dell'Overlook Hotel presente nello Shining di Kubrick.

Il Ragno Gigante

Proprio come nel libro di King, lo scontro finale vede Pennywise trasformato in una sorta di ragno gigante. Solo che mentre nel film rimane in parte clown, nel romanzo originale diventa interamente un ragno femmina e anche incinta: la battaglia diventa così uno scontro ancora più importante per la sopravvivenza dell'umanità.

Christine

Prima ancora de La Cosa, in IT - Capitolo 2 viene citato un altro film di John Carpenter nonché altro romanzo di Stephen King: stiamo infatti parlando di Christine - La macchina infernale, la cui targa (CBQ 241) viene mostrata nel negozio di antiquariato citato in precedenza. Inoltre, in un flashback dove rivediamo i giovani membri del Club dei Perdenti, Eddie indossa una maglietta con disegnata una macchina infernale.

Avete notato tutti questi riferimenti al cinema? O ne avete trovati anche altri? Fatecelo sapere nei commenti. Nel frattempo vi rimandiamo alla nostra recensione di IT - Capitolo 2, attualmente in programmazione nelle sale.

FONTE: CBM
Quanto è interessante?
5
Gli easter egg di IT - Capitolo 2 tra il romanzo originale, Kubrick e John Carpenter