É morto Jake LaMotta, il campione di boxe che ispirò Toro Scatenato di Scorsese

di

Roma. Se n'è andato Jake LaMotta, il campione di boxe che Martin Scorsese trasformò, affidandosi all'eclettismo di Robert de Niro, nel ritratto leggendario di Toro Scatenato, pietra miliare del cinema. LaMotta aveva 96 anni.

Una vita difficile, quella di LaMotta: lui e la sua famiglia erano originari della Sicilia e si erano trasferiti nel Bronx dove ogni cosa era una sfida. Una storia narra che, quando il Jake era piccolo, dei bulli volevano rubargli la merenda; lui andò a raccontarlo al padre che, con durezza, per tutta risposta gli mise in mano un punteruolo dicendogli: difenditi, ragazzo!" Aveva due scelte: sarebbe potuto diventare un criminale o un pugile, e scelse la via più onesta.

La boxe Jake, la imparò per strada e a 19 anni già era professionista dello sport ed era davvero un "toro scatenato" tanto che tutti gli avversari uscivano veramente malconci dagli incontri con lui. Tuttavia, anche nel pugilato non era tutto "pulito": LaMotta fu infatti costretto da Frank Carbo, che dirigeva gli incontri, a perdere un match per entrare ai campionati mondiali. Ne soffrì molto e, in quell'occasione, si sfogò su Marcel Cerdan, boxeur francese e marito di Edit Piaf.

Toro Scatenato, il film cult di Martin Scorsese, interpretato da Robert de Niro, parla della storia di questo grande sportivo dalla vita durissima: 106 incontri sul ring, 83 vittorie, 19 sconfitte e 4 pareggi.

Quanto è interessante?
7
É morto Jake LaMotta, il campione di boxe che ispirò Toro Scatenato di Scorsese