Don't Worry Darling tra sputi, liti ed abbandoni: tutto quello che c'è da sapere

Don't Worry Darling tra sputi, liti ed abbandoni: tutto quello che c'è da sapere
di

Don't Worry Darling è da oggi al cinema e avrà l'arduo compito di far dimenticare il gossip che negli ultimi mesi è circolato intorno a cast e regia. Ci siamo già domandati se Don't Worry Darling, al di la di ogni cosa, potrà rivelarsi un ottimo prodotto o meno, nel frattempo ripercorriamo insieme tutto quello che è successo al film della Wilde.

A Venezia Don't Worry Darling ha ricevuto una standing ovation, ovazione arrivata dopo che l'ennesimo ed inutile polverone era stato sollevato su un presunto spunto di Harry Styles ai danni del collega Chris Pine, alla prima del film. Il video che mostra l'ex cantante degli One Direction sedersi di fianco a Pine tra gli applausi scroscianti ha fatto immediatamente il giro del web, dividendo il pubblico alla domanda: "Sputo si o sputo no?".

Fortunatamente è stato lo stesso agente di Chris Pine a respingere ogni polemica: "Si tratta di una totale invenzione basata su una strana illusione ottica venuta fuori da un video online che è chiaramente ingannevole e si presta a mille speculazioni sciocche. Giusto per essere chiari, Harry Styles NON ha sputato su Chris Pine...non c'è altro che rispetto tra questi due uomini e chiunque sostenga il contrario è in palese malafede e con lo scopo di creare un dramma che semplicemente non esiste".

Lo stesso rispetto che pare essere venuto meno tra Olivia Wilde e Shia LaBeouf. Prima è stata la regista ad aver rivelato di aver licenziato l'attore a produzione già iniziata a causa della sua condotta aggressiva sul set. Versione smentita, poi, da LaBeouf che ha raccontato non di un licenziamento, ma di un progetto abbandonato di sua spontanea volontà: "Ho lasciato il tuo film perché gli altri attori ed io non trovavamo tempo per fare delle prove insieme. [...] So che stai dando il via alla campagna promozionale per il tuo film e che la news sul mio licenziamento rappresenti un facile clickbait, siccome sono una persona-non-grata e tale potrei rimanere per il resto della mia vita".

Nemmeno la co-protagonista Florence Pugh è riuscita a mettersi al riparo dai numerosi pettegolezzi sul suo conto. Pare, infatti, che tra l'attrice di Piccole Donne e la regista frequenti siano stati i litigi sul set, prontamente smentiti dalla Wilde: "È raro che la gente pensi bene quando ci sono due donne al potere. Penso che spesso non ci venga concesso il beneficio del dubbio. Florence ha svolto il lavoro per cui l'ho ingaggiata, e l'ha fatto splendidamente, mi ha sconvolta. Ogni giorno ero a bocca aperta per lei, abbiamo lavorato benissimo insieme".

Insomma, un vero e proprio percorso ad ostacoli il tour promozionale di Don't Worry Darling. Finalmente possiamo però mettere da parte ogni polemica e da oggi goderci il film in tutte le sale italiane.

Quanto è interessante?
2