Dogman: Marcello Fonte è il miglior attore al 71° Festival di Cannes

di

Marcello Fonte ha ricevuto il Prix d’interprétation masculine per la sua prova d’attore in Dogman, l’ultimo film di Matteo Garrone, al 71° Festival di Cannes.

Già ampiamente vociferato alla vigilia, Fonte si è quindi aggiudicato il riconoscimento più prestigioso per un attore protagonista e ha ricevuto il premio dalle mani di Roberto Benigni. Fonte, calabrese classe 1978, è il primo attore italiano a ricevere il premio a Cannes a otto anni dall’ultima volta, quando venne consegnato a Elio Germano per il film La nostra vita (che all’epoca lo condivise in ex aequo con Javier Bardem per Biutiful).

Su queste pagine trovate anche la nostra recensione del film di Matteo Garrone direttamente da Cannes. La pellicola è approdata nelle sale italiane lo scorso 17 maggio, piazzandosi subito al terzo posto al box-office, dietro a Avengers: Infinity War e Loro 2.

Da piccolo quando ero a casa mia e pioveva solo le lamiere chiudevo gli occhi e mi sembrava di sentire gli applausi adesso è vero ed è come essere in famiglia”, ha dichiarato l’attore al momento della premiazione. “Il cinema è la mia famiglia - dice Fonte emozionatissimo -, ogni granello della sabbia di Cannes è una meraviglia. Grazie a Matteo che si è fidato”.

Sinossi: In una periferia sospesa tra metropoli e natura selvaggia, dove l'unica legge sembra essere quella del più forte, Marcello è un uomo piccolo e mite che divide le sue giornate tra il lavoro nel suo modesto salone di toelettatura per cani, l'amore per la figlia Sofia, e un ambiguo rapporto di sudditanza con Simoncino, un ex pugile che terrorizza l'intero quartiere. Dopo l'ennesima sopraffazione, deciso a riaffermare la propria dignità, Marcello immaginerà una vendetta dall'esito inaspettato.

Quanto è interessante?
4