Daniel Craig ricorda la conferenza stampa che lo annunciò come James Bond: "fu deludente"

Daniel Craig ricorda la conferenza stampa che lo annunciò come James Bond: 'fu deludente'
di

L’era di Daniel Craig nei panni di James Bond è finita con No Time to Die e l’attore sta ora ripercorrendo il viale dei ricordi salutando il ruolo dell’iconica super-spia. In una recente intervista ha definito “deludente” il suo annuncio di casting ufficiale nel 2005.

Il conduttore del podcast Awards Chatter, Scott Feinberg, ha ricordato il fatidico momento insieme a Craig: "Avevi 37 anni e sei stato portato alla conferenza stampa che annunciava il tuo casting su una barca della Royal Navy che scende dal Tamigi, e in pratica è stata una raffica di m**da", ha osservato Feinberg, ricordando che Craig fu criticato per non aver indossato un giubbotto di salvataggio, oltre ad essere "troppo biondo" e "non abbastanza alto" per interpretare Bond.

"Una volta che l'annuncio è stato fatto abbiamo fatto quella conferenza stampa di incredibile successo", ha scherzato Craig. "Ne ho guardati dei pezzi…è un fottuto disastro ferroviario. In un certo senso, mi rammarico per come è andata quella conferenza stampa; in altri modi, sono molto felice per come è andata quella conferenza stampa.”

Secondo Craig, all’epoca era certamente inesperto nel trattare con i media. "Non sapevo come attivare l'incantesimo ed essere abile. Dicevo 'Oh, è una bella domanda, che gentile da parte tua chiedermelo.' Ma in realtà avrei voluto dire solo 'Va***nculo! Tu, fo***ti anche tu!' Questo è tutto ciò che volevo dire", ha concluso.

Dopo Casino Royale, Craig è tornato con altri quattro film, non perdetevi la nostra recensione di No Time to Die dell'anno scorso. L'attore ha parlato del finale del film a Variety: "Era il 2006, io e Barbara Broccoli eravamo seduti nel retro di un'auto mentre ci allontanavamo dalla premiere berlinese di Casino Royale. Tutto stava andando bene, alla gente era piaciuto il film e sembrava che avrei avuto la possibilità di farne almeno un altro. Ho detto a Barbara: 'Quanti di questi film devo fare?' Perché non guardo davvero ai contratti o a nessuna di queste cose. Lei ha detto: 'Quattro' e io ho detto: 'Oh, va bene. Posso ucciderlo nell'ultimo?' E lei ha detto sì. Allora ho stretto un accordo con lei e le ho detto: 'È così che mi piacerebbe che andasse'".

Restate sintonizzati per ulteriori dettagli sul futuro del franchise di James Bond.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
2