Crimes of the Future, David Cronenberg sul suo film: "La chirurgia è il nuovo sesso"

Crimes of the Future, David Cronenberg sul suo film: 'La chirurgia è il nuovo sesso'
di

Grazie a una lunga ed esaustiva intervista concessa a Deadline, David Cronenberg ha potuto svelare qualche dettaglio in più sul suo nuovo film in arrivo, Crimes of the Future, che farà il suo debutto al Festival di Cannes 2022. Tra gli argomenti trattati anche l'omonimia con il suo corto anni '70 e i paragoni con il suo cult anni '90 Crash.

Prima di tutto, Cronenberg ha spiegato perché ha deciso di chiamare il suo film come il suo cortometraggio del 1970: "Beh, è nato in modo molto organico. Non ha molto significato, in realtà - il titolo originale era Painkillers, ed è stato più di 20 anni fa che ho scritto la sceneggiatura. Così, quando stavo discutendo di far rivivere il progetto con il produttore Robert Lantos, lui ha suggerito il vecchio titolo perché era più interessante. Un sacco di film e libri e serie TV chiamati Painkillers sono usciti nei 20 anni da quando ho scritto la sceneggiatura. Così, avevamo bisogno di un nuovo titolo e abbiamo pensato a Crimes of the Future, anche se non è un sequel o un remake del mio vecchio film underground del 1970".

Per Cronenberg si tratta anche di un ritorno al body horror e alla "nuova carne", slogan mutuato dal suo Videodrome e che incarna un preciso stile nella narrazione delle opere del regista canadese, dopo gli ultimi film più psicologici: "Beh, per me, la psicologia è carne, quindi non mi sembra così diverso, anche se, naturalmente, so esattamente cosa vuoi dire. Sto tornando a un tipo di cinema che non faccio da un po'. E la sensazione è che ci sia un nuovo pubblico per un film come Crimes of the Future che non esisteva all'epoca dei miei ultimi tre o quattro film. Quindi, è il mio ritorno alla carne".

Sui paragoni con Crash, il regista glissa subito: "Non credo che avremo un'esperienza alla Crash. Per cominciare, non c'è davvero sesso nel film. Voglio dire, c'è erotismo e c'è sensualità, ma naturalmente, parte di ciò che dice il film - e uno dei personaggi lo dice molto chiaramente - è che la chirurgia è il nuovo sesso. Se si accetta questo, allora sì, c'è sesso nel film, perché c'è la chirurgia! Quindi, la gente potrebbe essere scoraggiata da questo aspetto".

Parlando di censura, Cronenberg pensa poi che alcune forme di essere si siano fatte strada negli ultimi anni, cavalcando anche fenomeni sociali come il #MeToo e utilizzandoli per fini politici: "Il modo in cui il movimento #MeToo può essere usato come strumento di censura, per esempio, è un nuovo approccio, un nuovo piccolo arabesco sulla censura, ed è usato politicamente in quel modo, e gli si resiste come contro una censura piuttosto che vederlo come un movimento di qualche tipo di liberazione".

Su queste pagine vi rimandiamo al nuovo trailer di Crimes of the Future. Il film non ha ancora una data d'uscita in Italia.

FONTE: Deadline
Quanto è interessante?
3