Continua la polemica per Richard Jewell, ecco i commenti di Olivia Wilde e Billy Ray

Continua la polemica per Richard Jewell, ecco i commenti di Olivia Wilde e Billy Ray
di

Dopo che la Warner Bros. ha fatto causa all'Atlantic Journal per difendere Richard Jewell, il nuovo film di Clint Eastwood, arrivano i commenti della star Olivia Wilde e dello sceneggiatore Billy Ray.

L'autore del copione ha risposto direttamente a Kevin Riley, il direttore dell'Atlanta Journal-Constitution, che ha criticato il film per aver suggerito che una delle protagoniste, la reporter Kathy Scruggs interpretata dalla Wilde, ha concesso dei rapporti sessuali in cambio di uno scoop sulle indagini sull'attentato di Atlanta del 1996.

"Questo film parla di un eroe la cui vita è stata completamente distrutta dalle menzogne create dall'FBI e dai media, in particolare l'Atlanta Journal", ha detto Ray a Deadline. “L'Atlanta Journal ha condannato Richard Jewell pubblicamente. Pubblicizzarono selvaggiamente e mandarono in stampa le loro ipotesi come fossero fatti reali e comprovati. Lo hanno paragonato al noto assassino di massa Wayne Williams. E questo dopo che lui in realtà aveva salvato centinaia di vite.Ora arriva un film 23 anni dopo quei fatti, un'occasione perfetta per l'AJC di espiare le loro colpe per ciò che hanno fatto a Richard e ammettere i loro misfatti. E cosa decidono di fare? Lanciano una campagna mediatica per deviare il succo del discorso e distorcere nuovamente la realtà. Si concentrano esclusivamente su un solo minuto di un film che ne dura 129, scegliendo di sfidare un'affermazione del film piuttosto che accettare il ruolo che hanno avuto nel distruggere la vita di un uomo buono. Il film non parla di Kathy Scruggs; si tratta dell'eroismo di Richard Jewell e di ciò che delle false notizie possono causare ad un uomo innocente. E comunque, confermo ogni parola e affermazione che ho scritto nella sceneggiatura."

Nel frattempo Olivia Wilde, che interpreta la Scruggs, ha pubblicato su Twitter un thread in cui ha affermato che la reporter aveva una relazione preesistente con l'agente dell'FBI in questione. Ad ogni modo, gli esperti di etica giornalistica sostengono che tali relazioni equivalgono a cattiva pratica in una professione che dovrebbe essere salvaguardata da conflitti di interesse reali o percepiti.

Il presidente del comitato etico della Society of Professional Journalists Lynn Walsh ha offerto una disamina sui rapporti etici tra giornalisti e le loro fonti in una dichiarazione. "Se i giornalisti sviluppano una relazione sentimentale con una fonte, allora non dovrebbero più usare quell'individuo come fonte né dovrebbe scrivere su fatti che coinvolgono quella fonte. Addirittura dovrebbero avvisare il loro redattore e i responsabili delle notizie di qualsiasi relazione sentimentale con una fonte, così che tutti siano consapevoli del potenziale conflitto di interessi e si possa assegnare quella fonte ad altri giornalisti non romanticamente coinvolti al fine di coprire le storie. Stessa cosa nel caso in cui i giornalisti sviluppino amicizie con una fonte".

Per altri approfondimenti, scoprite cosa avrebbe chiesto Clint Eastwood a Richard Jewell se avesse potuto incontrarlo.

FONTE: Deadline
Quanto è interessante?
1