Il cinema Usa rischia gli incassi più bassi degli ultimi 20 anni a causa del Coronavirus

Il cinema Usa rischia gli incassi più bassi degli ultimi 20 anni a causa del Coronavirus
di

L'emergenza Coronavirus sta mettendo diversi settori di fronte a una situazione senza precedenti e il cinema non fa eccezione. Secondo alcuni analisti finanziari, riporta per esempio TheWrap, a causa della chiusura di sale e del rimando di numerosi film c'è il serio rischio che gli incassi del 2020 siano i peggiori da venti anni a questa parte.

Per la prima volta dal 2000, infatti, si potrebbe scendere sotto la soglia degli otto miliardi, mentre il numero di biglietti venduti potrebbe essere inferiore al miliardo per la prima volta dal 1976.

Le prime indicazioni in merito ci vengono dall'ultimo weeked, in cui le entrate sono calate del 45% rispetto al fine settimana precedente e si sono fermate a 55,3 milioni di dollari. Si tratta di un calo più significativo di quello che ha seguito gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 e per trovare una flessione simile bisogna guardare al 1998, nello specifico al weekend di Halloween, quando le vendite arrivarono a 50,8 milioni di dollari, tenendo conto dell'inflazione. Con il rimando di lungometraggi come A Quiet Place 2 e Mulan, che avrebbero dovuto trainare le vendite in primavera, i prossimi mesi saranno ancora più difficili e secondo un report pubblicato da The Hollywood Reporter, Hollywood potrebbe subire una perdita per 20 miliardi di dollari. Si tratta, insomma, di uno scenario poco incoraggiante.

Ricordiamo che, vista la situazione attuale, in Italia le sale cinematografiche dovranno rimanere chiuse almeno fino al prossimo 3 aprile.

FONTE: Yahoo
Quanto è interessante?
4