Cinema, il ministro Franceschini annuncia: 'Abbiamo abolito definitivamente la censura'

Cinema, il ministro Franceschini annuncia: 'Abbiamo abolito definitivamente la censura'
di

Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha annunciato in queste ultime ore di aver firmato un decreto che decreto per l'istituzione della Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche allo scopo di verificare la corretta classificazione delle opere cinematografiche da parte degli operatori.

"Abolita la censura cinematografica, definitivamente superato quel sistema di controlli e interventi che consentiva ancora allo Stato di intervenire sulla libertà degli artisti" ha spiegato Franceschini: con l'introduzione del sistema di classificazione, infatti, il governo italiano non avrà più la possibilità di imporre tagli o addirittura impedire l'arrivo in sala di un film in uscita.

"Un intervento ai sensi della Legge Cinema che introduce il sistema di classificazione e supera definitivamente la possibilità di censurare le opere cinematografiche non è più previsto il divieto assoluto di uscita in sala né di uscita condizionata a tagli o modifiche" si legge infatti nella nota al riguardo.

La storia del cinema italiano, ricordiamo, è piena di casi di rimaneggiamenti, divieti o addirittura denunce: si pensi, ad esempio, a casi eclatanti come Ultimo Tango a Parigi di Bernardo Bertolucci o Salò o le 120 Giornate di Sodoma, di Pierpaolo Pasolini. A proposito di uscite mancate, intanto: ecco i migliori film rimasti inediti in Italia nel 2020. In questo caso, però, la censura c'entra davvero poco.

FONTE: repubblica
Quanto è interessante?
9