Cinema, mascherine FFP2 obbligatorie e niente popcorn: le nuove direttive da Palazzo Chigi

Cinema, mascherine FFP2 obbligatorie e niente popcorn: le nuove direttive da Palazzo Chigi
di

La riapertura delle sale cinematografiche ha rappresentato un momento di sollievo collettivo in un anno in cui l'emergenza COVID ha continuato a non fare prigionieri: una riapertura che va però tutelata adottando le giuste misure di sicurezza, soprattutto in virtù del diffondersi della variante Omicron.

Lo scorso autunno la capienza delle sale cinematografiche italiane era finalmente stata riportata a quel tanto agognato 100% che, al momento, non sembra effettivamente essere in pericolo: la speranza di non dover procedere a nuove chiusure, però, è affidata alle nuove direttive diffuse proprio in queste ore da Palazzo Chigi.

Le nuove misure di sicurezza parlano dunque dell'obbligo di indossare la mascherina FFP2 durante le proiezioni, senza alcuna eccezione: in sala, dunque, non sarà più possibile consumare popcorn o cibi e bevande di altro genere, in modo da non creare zone franche in cui ai presenti sia indispensabile abbassare o rimuovere la mascherina.

Proprio come per teatri, eventi sportivi e mezzi di trasporto, inoltre, il governo sta valutando l'estensione fino al 31 gennaio dell'obbligo di green pass rafforzato (riservato quindi ai soli vaccinati o guariti). La speranza, naturalmente, è che non ci sia bisogno di procedere con misure ancora più restrittive! Le uscite delle ultime settimane, comunque, sembrano aver donato un po' di respiro agli esercenti: ecco, ad esempio, quanto ha incassato È Stata la Mano di Dio, il nuovo film di Paolo Sorrentino.

Quanto è interessante?
5