Il Caso Freddy Heineken, lo sceneggiatore disertò la premiere: film poco fedele ai fatti

Il Caso Freddy Heineken, lo sceneggiatore disertò la premiere: film poco fedele ai fatti
di

Portare sul grande schermo un caso di cronaca è sempre un rischio: l'ovvia esigenza di rendere cinematograficamente appetibile la storia potrebbe portare alla tentazione di effettuare qualche modifica di troppo... Proprio come capitato, a quanto pare, a Daniel Alfredson con Il Caso Freddy Heineken.

Il film con Anthony Hopkins e Jim Sturgess, come molti di voi sapranno, racconta la storia del rapimento del magnate della birra Freddy Heineken, per il quale fu pagato quello che sarebbe stato registrato come uno dei riscatti più alti della storia.

Alla stesura del film partecipò in qualità di co-sceneggiatore il giornalista Peter R. de Vries, che voleva assolutamente raccontare la storia del rapimento nella maniera più fedele possibile alla realtà dopo la delusione ricevuta dal primo film sull'argomento, Il Rapimento Heineken (2011).

Una missione evidentemente fallita, almeno stando alla reazione dello stesso de Vries, che decise di disertare la premiere del film in quanto, a suo dire, il risultato finale sarebbe stato ben lontano dalle sue aspettative e troppo poco fedele alla realtà dei fatti di cronaca. Un gesto clamoroso che, quantomeno, sembra connotare una certa onestà intellettuale da parte dello sceneggiatore! Per saperne di più, intanto, qui trovate la nostra recensione de Il Caso Freddy Heineken.

FONTE: imdb
Quanto è interessante?
1