Cannes 2020, ecco il programma completo: a cosa serve se non c'è un festival?

Cannes 2020, ecco il programma completo: a cosa serve se non c'è un festival?
di

L'edizione 2020 del Festival di Cannes è stata annullata a causa della pandemia, ma ciò non ha impedito al direttore artistico Thierry Fremaux di rendere nota la selezione ufficiale della celebre kermesse francese, che l'anno scorso ha aperto la strada al successo di Parasite di Bong Joon-Ho.

Tra le 2.067 pellicole considerate dal comitato dell'evento, un aumento rispetto alle 1.845 proposte lo scorso anno, sono stati selezionati alcuni dei nomi associati all'edizione 2020 ormai da diversi mesi. Troviamo infatti l'atteso The French Dispatch di Wes Anderson, Another Round di Thomas Vinterberg e Comes Morning di Naomi Kawase e il nuovo film Pixar, Soul.

Da segnalare inoltre la presenza di Peninsula, sequel dello zombie-movie Train To Busan diretto nuovamente da Sang-ho Yeon, e di Aya and the Witch, pellicola animata di Goro Miyazaki che firmerà il debutto dello Studio Ghibli nella computer grafica 3D.

Ecco la lista completa:

The French Dispatch (Wes Anderson)
Été 85 (François Ozon)
True Mothers (Naomie Kawase)
Lovers Rock (Steve McQueen)
Mangrove (Steve McQueen)
Antoher Round (Thomas Vintenberg)
Last Words (Jonathan Nossiter)
ADN (Maïwenn)
Heaven (Im Sang-soo)
El olvido que seremos (Fernando Trueba)
Peninsula (Yeon Sang-ho)
In the Dusk (Sharunas Bartas)
Les hommes (Lucas Belvaux)
The Real Thing (Koji Fukada)
Limbo (Ben Sharok)
Passion Simple (Danielle Arbid)
Goodman (Marie-Castille Mention-Schaar)
Les Chosese Qu’On Dit Les Choses Qu’On Fait (Emmanuel Mouret)
Rouge (Farid Mouret)
Sweat (Magnus Van Horn)
Médecin de nuit (Eli Wajman)
Ammonite (Francis Lee)
Nadia Butterfly (Pascal Plante)
Falling (Viggo Mortensen)
Gagarine (Fanny Liatard e Jérémy Trouilh)
Pleasur (Ninja Thyberg)
Slalom (Charlène Flavier)
Casa de antigua (Jao Miranda)
Browken Keys (Jimmy Keyrouz)
16 printemps (Suzanne Lindon)
Teddy (Ludovic e Zoran Boukherma)
Vaurien (Peter Dourountzis)
Garçon Chiffon (Nicolas Maury)
Si le vent tombe (Nora Martirosyan)
On the Way to the Billion (Dieudo Hamadi)
John and the Hole (Pascual Sisto)
Here We Are (Nir Bergman)
February (Karmen Kalev)
Enfant Terrible (Oskar Roehler)
Eight and a Half (Ann Hui, Sammo Kam-Bo Hung, Ringo Lam, Patrick Tam, Johnnie To, Hark Tsui, John Woo, Woo-Ping Yuen)
Au crépuscule (Sharunas Bartas)
Ibrahim (Samir Guesmi)
La mort du Cinema et de mon père aussi (Daniel Rosenberg)
Antoniette dans les Cévennes (Caroline Vignal)
Les deux Alfred (Bruno Podalydès)
Un triomphe (Emmanuel Courcol)
Le discours (Laurent Tirard)
L’origine du monde (Laurent Lafitte)
Spring Blossom (Suzanne Lindon)
The Truffle Hunters (Gregory Kershaw e Michael Dweck)
9 jours à Raqqa (Xavier de Lauzanne)
Flee (Jonas Poher Rasmussen)
Josep (Aurel)
Aya and the Witch (Goro Miyazaki)
Soul (Pete Docter)

Promossi da Cannes, i film selezionati potranno partecipare ad altri festival cinematografici internazionali tra cui Locarno, Telluride, Toronto, Deauville, San Sebastian, Pusan, Angoulême, Morelia, New York, Lyon, Rome, Rio, Tokyo, Mumbai or Mar del Plata, e il Sundance. Grazie ad un accordo firmato di recente, inoltre le pellicole potranno per la prima volta essere selezionate anche dal Sebastian Film Festival. Per quanto riguarda Venezia, invece, è ancora tutto da vedere.

Quanto è interessante?
1