Call Me By Your Name: Luca Guadagnino sta pianificando il sequel

di

Dopo essere stato proiettato al Sundance, al Toronto International Film Festival e al New York Film Festival, Call Me By Your Name è approdato anche al BFI London Film Festival.

Intercettato dai microfoni di ScreenDaily, Luca Guadagnino ha parlato dei suoi piani per un sequel della pellicola: “Voglio fare un sequel perché Timothée Chalamet, Armie Hammer, Michael Stuhlbarg, Amira Casar, Esther Garrel, sono tutti straordinari. La storia che abbiamo costruito insieme è davvero solida. Abbiamo creato un luogo in cui credi al mondo prima che ai personaggi. Sono giovani, ma stanno crescendo. Se compariamo l’età di Elio con quella di Timothée, fra tre anni saranno esattamente coevi, proprio nel tempo in cui è ambientata la seconda storia”.

Al regista è stato poi chiesto se si tratterà ancora di una storia a tematica gay: “Non credo che Elio debba per forza diventare omosessuale. Non ha ancora trovato il suo posto nel mondo. Posso dirti che credo che inizierebbe un’intensa relazione con Marzia [il personaggio di Esther Garrel, ndr.], ancora”.

Su queste pagine potete visualizzare il trailer di Call Me By Your Name.

Quanto è interessante?
2