Brendan Fraser non andrà ai Golden Globes se verrà nominato: "Non sono un ipocrita"

Brendan Fraser non andrà ai Golden Globes se verrà nominato: 'Non sono un ipocrita'
INFORMAZIONI FILM
di

Dopo il plauso ricevuto per la sua ultima interpretazione in The Whale di Darren Aronofsky, Brendan Fraser è tra i candidati più probabili per la nomination come miglior attore per questa stagione dei premi che si appresta a iniziare. Tuttavia, lo stesso Fraser ha chiarito che in caso di nomination ai Golden Globes non parteciperà alla cerimonia.

Alla domanda postagli da GQ per il numero di copertina di Men of the Year, se sarebbe andato all'evento, previsto per il 10 gennaio, Fraser ha risposto che "non parteciperà". "Ho più trascorsi che rispetto per la Hollywood Foreign Press Association", ha aggiunto, citando l'organizzazione no-profit che ogni anno vota e organizza i Golden Globes.

"È per via della brutta storia che ho avuto con loro. E mia madre non ha cresciuto un ipocrita. Potete chiamarmi in tanti modi, ma non così", ha detto Fraser.

Negli anni scorsi, la star della Mummia aveva affermato di essere stato aggredito sessualmente dall'ex presidente della HFPA Philip Berk nell'estate del 2003, durante un pranzo al Beverly Hills Hotel - un presunto incidente che Berk, 89 anni, ancora contesta. Fraser ha dichiarato di ritenere di essere stato inserito nella lista nera di Hollywood anche a causa delle conseguenze del presunto incidente.

Secondo l'attore, l'aggressione è avvenuta quando Berk ha allungato la mano per stringere quella di Fraser mentre usciva dall'hotel. "La sua mano sinistra si è avvicinata, mi ha afferrato il sedere e una delle sue dita mi ha toccato il perineo. E ha iniziato a muoverla", aveva dichiarato Fraser sempre a GQ nel 2018.

Il presunto incidente ha lasciato Fraser sopraffatto dal panico e dalla paura. "Mi sono sentito male", aveva detto all'epoca, ricordando le sue emozioni dopo aver tolto la mano di Berk. "Mi sono sentito come un bambino. Mi sentivo come se avessi un nodo in gola. Pensavo che avrei pianto. Mi sentivo come se qualcuno mi avesse gettato addosso della vernice invisibile".

Berk ha negato la presunta aggressione al New York Times. "La versione del signor Fraser è una totale invenzione", ha dichiarato poi anche a GQ, riconoscendo di aver scritto una lettera a Fraser sul presunto incidente. "Le mie scuse non ammettevano alcun illecito, ma il solito 'Se ho fatto qualcosa che ha fatto arrabbiare il signor Fraser, non era mia intenzione e mi scuso'".

L'HFPA ha espulso Berk, membro di lunga data, dall'organizzazione nell'aprile del 2021, dopo che aveva inviato un'e-mail ai suoi colleghi definendo il movimento Black Lives Matter un "movimento di odio razzista" e criticando la cofondatrice del BLM Patrisse Cullors per aver acquistato una casa a Topanga Canyon, in California. L'ex membro, nato in Sudafrica, ha fatto parte dell'organizzazione per 44 anni ed è stato presidente per otto mandati.

Su queste pagine, potete recuperare il trailer ufficiale di The Whale.

FONTE: People
Quanto è interessante?
3