Marvel

Black Widow, la sceneggiatrice risponde alle critiche al femminismo di Captain Marvel

Black Widow, la sceneggiatrice risponde alle critiche al femminismo di Captain Marvel
di

La Rete è un posto strano, soprattutto quando le piazze virtuali dei social network si saturano di voci infelici e opinioni scarsamente fondate; ne sa qualcosa Jac Schaeffer, collaboratrice alla scrittura del film che ha introdotto Captain Marvel in Avengers: Endgame e autrice della sceneggiatura di Black Widow.

Classe 1978, Jac Schaeffer è una regista, produttrice e sceneggiatrice che ha esordito al cinema nel 2009 con TiMER (commedia fantaromantica da lei scritta, realizzata e diretta) prima di passare dieci anni dopo al Marvel Cinematic Universe come assistente alla sceneggiatura di Captain Marvel.

Pur non essendo accreditata nei titoli di coda del film sulle origini di Carol Denvers, Jac Schaeffer ha rilasciato una dichiarazione importante sulle opinioni che sono circolate circa la presenza di una donna come autrice di un film Marvel al femminile: “Quando le persone agiscono per odio, la cosa mi rattrista. Penso sia vergognoso, ma non voglio sprecare le mie energie per questi giudizi a voce alta”.

La sceneggiatura di Black Widow, il primo film della Fase 4 del MCU, è opera della stessa Schaeffer che però non sarà il suo unico impegno a breve termine per la Casa delle Idee, dato che sarà anche showrunner di WandaVision, serie di Disney+ con una writers’ room tutta al femminile.

Dopo una proiezione in anteprima al San Diego Comic-Con del 2019, il pubblico si è entusiasmato per l’azione in Black Widow che a detta della scrittrice “è ricca di combattimenti ravvicinati e davvero intensa. C’è un vero senso umano di potenza che io trovo appagante e molto divertente da vedere, ed è proprio questa la contropartita per la scrittura di personaggi con superpoteri”.

Jac Schaeffer ha infatti una sua opinione alternativa sui film Marvel: “Vorrei vedere forme diverse di violenza, senza dover ricorrere per forza al fascino delle armi. C’è una ragione per la quale ho adorato Captain Marvel, ed è il suo potere interiore, perché la distruzione non deve essere a scapito della vita umana”.

Si tratta di una voce fuori dal coro per un genere da sempre abituato al contatto diretto: “Abbiamo bisogno di vedere sul grande schermo ruoli femminili, personaggi di diversa etnia, esperienze complesse e punti di vista speciali. Ho scelto di lavorare con persone che desiderano cambiare le loro prospettive in meglio per ambientare storie di cui poi poter parlare, così da muoversi verso un mondo che possa essere migliore per i miei figli”.

Black Widow uscirà il 1° Maggio 2020, nel frattempo sono già disponibili le prime anticipazioni sul film.

FONTE: indiewire
Quanto è interessante?
6