Black Widow, per l'avvocato Disney la causa è una trovata pubblicitaria orchestrata

Black Widow, per l'avvocato Disney la causa è una trovata pubblicitaria orchestrata
di

È un fatto noto che Scarlett Johansson abbia intentato una causa alla Disney per aver fatto uscire al cinema Black Widow e contemporaneamente anche sul servizio di streaming la pellicola. Secondo l'avvocato della Disney però la causa è una trovata pubblicitaria "altamente orchestrata" dall’attrice.

Daniel Petrocelli, storico avvocato della Disney, ha rilasciato una dichiarazione a Variety definendo le azioni della star di Black Widow nient'altro che una campagna pubblicitaria.

Petrocelli ha dichiarato che la causa intentata da Johansson e dal suo team è un tentativo "ovvio" di convincere la Disney a staccare un altro assegno.

"È ovvio che questa sia una trovata pubblicitaria altamente orchestrata per ottenere un risultato che non è ottenibile nella causa", ha detto Petrocelli. “Nessuna quantità di pressione pubblica può modificare o oscurare gli impegni contrattuali espliciti. Il contratto scritto è chiaro".

Variety ha anche messo le mani su alcuni dettagli del contratto, incluso il fatto che secondo quanto riferito tutte le controversie devono passare attraverso l'arbitrato piuttosto che il tribunale.

Come sottolinea la rivista, tuttavia, il contratto di Johansson è in realtà con i Marvel Studios non con la sua società madre Disney. La causa, tuttavia, è stata intentata contro quest’ultima.

“Abbiamo trattato le entrate raccolte tramite Disney Premier Access come quelle ottenute al botteghino, ai fini dei requisiti del bonus nel contratto. Ciò ha solo migliorato l'economia della signora Johansson”, ha aggiunto Petrocelli.

Dopo la prima risposta pubblica della Disney, l'avvocato dell'attrice John Berlinski, aveva risposto:

"Gli avvocati della Disney non possono cancellare le precedenti dichiarazioni pubbliche della società, i termini del contratto della signora Johansson, la storia di ciò che ha effettivamente portato a questa causa, o le implicazioni del suo comportamento nei confronti della comunità delle sue star in generale. Se la Disney credesse sinceramente a ciò che ora affermano i suoi avvocati, sarebbe lieta che la controversia venisse decisa in tribunale, invece di cercare di nascondere la sua cattiva condotta al pubblico in una mediazione confidenziale".

Leggete la nostra recensione di Black Widow e le dichiarazioni dell'agente di Johansson sull'accaduto.

FONTE: CB
Quanto è interessante?
6