Marvel

Black Panther 2, la costumista: "Ho dovuto appesantire gli abiti per le scene sott'acqua"

Black Panther 2, la costumista: 'Ho dovuto appesantire gli abiti per le scene sott'acqua'
di

Non solo Black Panther 2 è campione di incassi del weekend ma è anche il film meglio recensito dell'anno per il Marvel Cinematic Universe. Frutto del duro impegno e lavoro di tutti i reparti specializzati che hanno lavorato alla pellicola di Ryan Coogler, in un'intervista, la costumista Ruth Carter ha descritto le difficoltà del suo lavoro.

Una buona parte del film [a proposito potete leggere la recensione di Black Panther 2] riguarda la città sottomarina di Talokan, dove il nuovo personaggio del franchise, Namor [Tenoch Huerta], governa al largo delle coste del Messico. "Stavamo esplorando le profondità oceaniche e ci siamo ispirati alla cultura Maya e agli Aztechi. Stavamo anche aggiornando e reinventando il Wakanda", ha detto Carter.

"Ricordo che Ryan diceva che ogni volta che vedeva un nuovo film di Batman, il costume era diverso. Pensava che avremmo potuto aggiornare alcuni elementi del Wakanda. Così le guerriere Dora Milaje hanno ricevuto una nuova armatura e Nakia [Lupita Nyong'o] un nuovo abito".

Il braccio destro di Namor, Attuma, interpretato da Alex Livinalli, indossa un feroce copricapo che proviene dal mare. Carter ha detto che quando Coogler ha visto i concept della struttura ossea dello squalo martello, ha voluto che fosse lo stesso per il costume del personaggio, che si ricollega anche alle origini atlantidee di Attuma. "Siamo andati dagli storici e abbiamo mostrato loro alcune delle cose che stavamo guardando. Abbiamo imparato a conoscere le conchiglie Spondylus e la giada", ha affermato Carter a proposito degli elementi utilizzati per il costume.

La comunità di Attuma si è sviluppata sott'acqua, separata dai cugini terrestri, ma i costumi riflettono la loro civiltà avanzata. "Usavano il kelp nei loro costumi. Abbiamo osservato come usavano le conchiglie, la pietra e la giada", racconta l'attrice. "Per le scene in acqua, avevamo una vasca di 6 metri in cui abbiamo fatto dei test. I sommozzatori sono scesi sott'acqua e ho dovuto far loro indossare costumi che comprendevano copricapi e mantelli, solo per vedere come si sarebbero comportati in acqua, e ho finito per aggiungere dei pesi".

La scenografa Hannah Beachler ha quindi osservato: "Non avevo mai lavorato con l'acqua in questo modo, quindi è stata una novità per me e, credo, per tutti noi. Adoro i film sott'acqua". Il mondo sottomarino è stato influenzato dai Maya e Beachler si è consultata con degli esperti per "orientarsi in quella cultura e nel significato che c'è dietro", ha aggiunto.

"Per il Wakanda, abbiamo preso le basi di ciò che avevamo iniziato [in Black Panther] per... essere più dettagliati, concentrati e decisi sul lavoro e sulle ispirazioni. [In particolare] per quanto riguarda le influenze, l'eredità e l'ascendenza dei diversi Paesi africani, delle diverse tribù, delle diverse culture e delle diverse tradizioni".

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
3