Birds of Prey sarà vietato ai minori: nuove conferme dal set del film DC

Birds of Prey sarà vietato ai minori: nuove conferme dal set del film DC
di

Dopo lo straordinario successo di Joker al box office, Warner Bros. e DC Comics continueranno a puntare sul Rating R (l'equivalente italiano di un film vietato ai minori di 18 anni) anche con Birds of Prey. La conferma arriva dal set del film con Margot Robbie.

Secondo quanto riportato da Comicbook.com, durante una sequenza di circa 3 minuti la parola "fuck" è stata pronunciata ben 16 volte: a meno di grossi ritocchi in fase di montaggio, questo basterebbe per garantire un rating più alto del PG-13 negli USA.

"Mi sentivo come se dovessi censurare molto, ovviamente, per restare all'interno del rating PG" ha detto la Robbie paragonando la sua esperienza sul set di Suicide Squad con quella di Birds of Prey. "E molti dei personaggi del mondo DC sono piuttosto cupi, ad essere onesti. E molto di loro, la Cacciatrice per esempio, hanno avuto dei gravi traumi infantili, gravi malattie mentali, come Harley. A volte non riesci ad approfondire questi aspetti se devi censurarti. E ho pensato che sarebbe stato liberatorio preoccuparsi di queste cose dopo, in fase di montaggio, per trovare il tono del film."

Queste invece le parole del produttore Bryan Unkeless: "Siamo a due terzi della produzione, quindi molte cose potrebbero ancora cambiare. Tutto il processo, come sapete, è complicato. Ma abbiamo sempre cercato di spingere i confini. E non consentire a nulla di limitare la nostra creatività o l'atteggiamento di Harley sul set. Ma di certo siamo rischiando."

Anche se sembra ormai certo che il film sarà R-Rated negli Stati Uniti, ciò non significa necessariamente che avverrà lo stesso anche da noi: Joker, lo ricordiamo, in Italia è stato classificato come vietato ai minori di 14 anni, l'equivalente del PG-13 oltreoceano.

Guarda i poster di Birds of Prey svelati al CCXP.

Quanto è interessante?
4