Marvel

Bill Maher contro Stan Lee: "I suoi fumetti erano roba per bambini"

Bill Maher contro Stan Lee: 'I suoi fumetti erano roba per bambini'
di

Bill Maher, comico televisivo piuttosto controverso, ha messo in dubbio la legittimità del medium dei fumetti criticando duramente l'eredità dell'autore Marvel Stan Lee, recentemente scomparso.

In un post sul suo blog personale, Maher ha criticato gli americani per "usare la loro intelligenza su cose stupide", e ha dichiarato che a suo modo di vedere i fan abbiano esagerato nelle ore successive alla morte di Lee. "Il tizio che ha creato Spider-Man e Hulk è morto, e l'America è in lutto", ha scritto Maher. "Un profondo momento di lutto per un uomo che ha ispirato milioni di persone a, non so, guardare un film, credo. Qualcuno su Reddit ha pubblicato, 'Sono così incredibilmente grato di aver vissuto in un mondo che includeva Stan Lee.' Personalmente, sono grato di aver vissuto in un mondo che includeva ossigeno e alberi, ma a ciascuno il suo. Ora, non ho nulla contro i fumetti - li leggevo ogni tanto quando ero un ragazzino ed ero un fan degli Hardy Boys, ma l'idea che tutti avevano allora, sia gli adulti che i bambini, era che i fumetti erano per bambini, e una volta cresciuto saresti dovuto passare ai libri."

Nel suo tipico stile provocatorio, Maher ha continuato la sfuriata dicendo che l'industria ha successo solo perché "le persone stupide sono diventate professioniste" mentre scrivevano articoli e tesi sui personaggi dei fumetti. "Ma poi vent'anni fa è successo qualcosa - gli adulti hanno deciso che non dovevano rinunciare a cose da bambini, e così hanno finto che i libri a fumetti fossero in realtà una letteratura sofisticata e dato che l'America ha oltre 4.500 college - il che significa che abbiamo bisogno di più professori, e di quelli intelligenti - alcune persone stupide sono diventate insegnati scrivendo tesi con titoli come Alterità ed Eterodossia su Silver Surfer. E ora, quando gli adulti sono costretti a fare cose da adulti come comprare l'assicurazione auto, lo chiamano 'adulting' e si comportano come se fosse una lotta gigantesca".

Il comico ha concluso sostenendo che Donald Trump sarebbe stato votato come presidente solo in una nazione dove i fumetti sono ritenuti importanti.

Che ne pensate dell'argomento? Fatecelo sapere nei commenti.

La morte di Stan Lee è stata circondata anche dalla diatriba fra Armie Hammer e Jeffrey Dean Morgan, che vi abbiamo largamente documentato negli articoli in questione.

Quanto è interessante?
6

Gli ultimi Film in uscita in Homevideo BluRay e DVD li trovi in offerta su Amazon.it.