Back to Black, la regista difende il biopic su Amy Winehouse dopo le critiche

Back to Black, la regista difende il biopic su Amy Winehouse dopo le critiche
di

La regista Sam Taylor Johnson si è mossa in prima persona per difendere Back to Black, biopic dedicato a Amy Winehouse, dalle prime reazioni negative a seguito della diffusione delle prime clip e dei trailer promozionali. La filmmaker ha spiegato come sia sicura che il film saprà conquistare il pubblico rendendo omaggio alla compianta artista.


Dopo aver parlato della colonna sonora di Back to Black, torniamo ad occuparci del film di prossima uscita per condividere le dichiarazioni a difesa della propria opera della regista del film biografico.


Sam Taylor Johnson ha voluto ribadire la sua tranquillità nonostante l’accoglienza assolutamente negativa riservata alle anticipazioni: “No, non credo che il film sia controverso in alcun modo. Il rumore sarà sempre importante intorno a una cosa di questo genere, ma nessuno ha ancora visto il film davvero e noi l’abbiamo fatto attraverso le parole di Amy, attraverso la sua musica e la sua prospettiva. Non ha il tragico senno del poi. Non è un’opera investigativa. Onora gioiosamente Amy”.

In effetti, i detrattori, non hanno atteso troppo per scagliarsi contro il prodotto, insistendo, già dall’annuncio e dalla pubblicazione delle prime foto di Marisa Abela nei panni della cantante, sul fatto che un lavoro di questo tipo nascondesse soltanto un tentativo di sfruttare commercialmente il ricordo dell’inglese.


In attesa del debutto dell’opera nelle sale e di capire se a conti fatti dovesse riuscire a soddisfare i tanti fan dell’artista britannica vi lasciamo all’emozionante e intenso trailer di Back to Black.

Questo testo include collegamenti di affiliazione: se effettui un acquisto o un ordine attraverso questi collegamenti, il nostro sito potrebbe ricevere una commissione in linea con la nostra pagina etica. Le tariffe potrebbero variare dopo la pubblicazione dell'articolo.

Iscriviti a Google News Rimani aggiornato seguendoci su Google News! Seguici
Unisciti all'orda: la chat telegramper parlare di videogiochi