Avengers: Age of Ultron, Joss Whedon parla delle scene tagliate e finali alternativi

di

Dopo aver rivelato di aver voluto (ma non ottenuto) Capitan Marvel e Spider-Man in Avengers: Age of UltronJoss Whedon svela ulteriori retroscena sulla lavorazione della pellicola.

ATTENZIONE! SPOILER!

A quanto pare Whedon e la Marvel hanno spesso avuto 'discussioni' sul film "tutte fatte in maniera civile. Io li rispetto, sono degli artisti, ma è sempre spiacevole avere dei contrasti".

La Marvel, infatti, aveva altri piani per Quicksilver, come svelato da Aaron Taylor-Johnson, mentre Whedon lo voleva morto a tutti gli effetti. "La prima volta che ho incontrato Aaron gli ho detto che volevo la morte di Quicksilver e poteva esser salvato solo dalla Disney e della Marvel. Loro mi avrebbero potuto rispondere 'sei un idiota! Questo è un franchise e non possiamo permetterti di uccidere questi personaggi importanti'.".

Per assecondare la Marvel, Whedon ha girato un finale alternativo con Quicksilver con un nuovo costume, al fianco della sorella Scarlet Witch, nella scena finale di 'Age of Ultron': "Ho girato un finale alternativo. E ho girato la scena in cui si risveglia e dice 'hey, non sono veramente morto dopo quei 47 colpi!'. Ma non funzionava. Per me è un film di guerra. In questa pellicola i personaggi devono provare al mondo che sono eroi. E Quicksilver è il più arrogante, il più fastidioso - e se vedrete le scene tagliate anche un donnaiolo - e Occhio di falco lo odia profondamente. E Quicksilver muore salvandolo. E' una scena importante.". Whedon ha poi spiegato che voleva Quicksilver "morto" per non ripetere l'errore fatto con Coulson: "Sono il responsabile della resurrezione di Coulson. Non volevo ripeterlo. Sono colpevole delle resurrezioni quanto delle morti di questi personaggi".

Anche se Whedon è riuscito a 'vincere' la battaglia "contro la Marvel" ha dovuto sudare altre sette camicie per mantenere alcune scene nel montaggio: "La Marvel non amava molto le sequenze delle visioni scatenate da Scarlet Witch né la scena a casa di Clint Barton. Sono tutte sequenze per cui ho combattuto.".

Nonostante ciò, un'altra battaglia, invece, l'ha persa: "Tutta la sottotrama con Thor nella caverna... la Marvel ha deciso di tagliarla. In una versione Thor spariva e dicevamo quel che aveva fatto tramite dei dialoghi. Fortunatamente, siamo riusciti a trovare un accordo e a mantenere alcune sequenze della caverna nel montaggio finale. Alla fine è stato quasi un 'puntare la pistola alla testa alla scena della casa di Barton': o la caverna o la casa di Barton.".

Oltre a questo, la Marvel non è stata felice nemmeno del cameo di Tom Hiddleston come Loki, tanto da concordare con Whedon nel tagliarlo e averlo in Thor: Ragnarok direttamente: "Inizialmente volevo Loki. Ma la Marvel non riusciva a trovare un accordo con Tom, cosi mi hanno detto 'se vuoi abbiamo Idris Elba, puoi mettere Heimdall'. Nonostante Elba, volevo Tom. Sono andato da lui, gliel'ho chiesto gentilmente e ha acconsentito. Cosi avevo inserito Loki nella seconda visione che Thor aveva ma la Marvel non fu felice, mi disse che non funzionava e abbiamo deciso di tagliarlo.".

FONTE: Indiewire
Quanto è interessante?
0