Avatar: le riprese dei sequel di James Cameron raccolte in video diari

Avatar: le riprese dei sequel di James Cameron raccolte in video diari
di

Per il primo sequel di Avatar dovremo ancora aspettare dicembre 2022, quando saranno passati ormai 13 anni dal film originale, ma la curiosità su quello che vedremo nei nuovi film è ancora alta e per ingannare l'attesa da questo venerdì potremo visualizzare alcuni brevi video diari che documentano le riprese dei sequel firmati da James Cameron.

A partire da domani, infatti, verrà inaugurata la serie Behind Pandora, che fornirà al pubblico e agli appassionati del regista e di questa saga tutta da scoprire un'occhiata a quello che li attenderà al cinema tra due anni. Ad annunciare l'iniziativa è stato il produttore della saga Jon Landau attraverso un'immagine postata su Instagram:

"Sono davvero emozionato all'idea che a partire da questo venerdì le pagine social di Avatar introdurranno Behind Pandora, storie che mostreranno il team tecnico del film dietro le quinte di queste produzioni per rivelare quanto importante sia la loro parte per questo mondo, per i personaggi e per la storia di Avatar. Tutti i film sono il risultato di uno sforzo collettivo e anche i sequel di Avatar non fanno eccezione. Infatti, a causa delle ingenti dimensioni di queste produzioni il numero di persone che ci ha lavorato è tra i più grandi di sempre. Come piccolo tentativo di ricompensare i loro sforzi, vi introdurremo alle persone che lavorano in comparti diversi del progetto e vi racconteremo il loro ruolo sui film e un po' delle loro esperienze personali. E' chiaro che non riusciremo a mostrarvi tutti quelli che lavorano per noi, ma quelli intervistati li rappresenteranno tutti coloro che lavorano a questi film e noi siamo grati a ognuno di loro".

I video quindi mostreranno uno sguardo più ravvicinato alla produzione dei sequel di Avatar, un po' come fece Peter Jackson durante la lavorazione di King Kong. Per altri approfondimenti, vi rimandiamo al record battuto sul set da Kate Winslet.

FONTE: Eonline
Quanto è interessante?
3