Aquaman: James Wan parla della possibilità di guidare l'Universo DC dopo Zack Snyder

Aquaman: James Wan parla della possibilità di guidare l'Universo DC dopo Zack Snyder
di

Nel corso di una nuova intervista promozionale per Aquaman, l'acclamato regista James Wan ha parlato della sua passione per il supereroe e dell'eventualità che diventi il nuovo "spirito-guida" dell'universo cinematografico DC al posto di Zack Snyder.

Grazie alle critiche positive ottenute dal film e i primi dati di incasso piuttosto incoraggianti, i piani alti della Warner starebbero corteggiando il regista allo scopo di affidargli un ruolo chiave all'interno del progetto DC Extended Universe. Ma a Wan potrebbe non interessare.

In una lunga intervista concessa al New York Times, contenuta all'interno di un pezzo intitolato "James Wan: 'Se Aquaman non funziona, date la colpa a me'", il regista ha parlato del futuro del personaggio e dell'universo cinematografico DC.

"Non ho idea di quale sia il quadro più ampio", ha detto Wan. "Non conosco la storia di Aquaman per i prossimi capitoli dell'universo DC. Ma penso che sia davvero bello rischiare con personaggi e trame meno conosciuti, è bello se ogni film ha il proprio sapore peculiare, perché non costringono il pubblico a provare sempre lo stesso piatto."

Alla domanda circa il suo futuro in DC - nello specifico se avesse sperato di ottenere un ruolo da supervisore per lo sviluppo del franchise - il regista: "Mi ci è voluto così tanto tempo per finire questo film! Non voglio pensare al film di qualcun altro, ora come ora voglio solo riuscire a sopravvivere a questo."

Finora Aquaman sta facendo ben più che sopravvivere: le cifre al botteghino sono già impressionanti, e lo diventano ancora di più considerando che il film non è ancora uscito negli Stati Uniti. Il regista ha ammesso di essere a conoscenza della ricezione piuttosto negativa, sia di critica che di incassi, che ha circondato i precedenti blockbuster DC come Justice League, Suicide Squad e Batman vs Superman: Dawn of Justice. Tuttavia, non ha mai permesso che ciò lo scoraggiasse, anzi.

"Ero assolutamente consapevole dei problemi in cui versava questo franchsie, e l'ironia è stata proprio la scelta di dirigere un film su Aquaman. Mi dicevo: 'Ecco un supereroe che posso trattare come meglio credo, perché è completamente sotto il radar dei fan: a nessuno importerà di questo film, faremo in fretta, senza alcuna pressione.' Sono passati tre anni e adesso c'è praticamente un riflettore gigantesco puntato su di noi, perché per tutti questo deve essere il film del riscatto di un intero franchise. Adesso il senso di pressione è enorme, ma cerco sempre di non lasciare che niente offuschi la mia visione del film, mi limito ad andare avanti e continuo a realizzare il film che volevo realizzare fin dall'inizio."

In definitiva, Wan ha scelto di dirigere Aquaman per la libertà creativa consentita e per il potenziale di creare qualcosa di veramente significativo e unico - qualcosa che il pubblico non ha mai visto sul grande schermo.

"Lo so che il personaggio è solo una piccola parte di un universo espanso più grande, okay, va benissimo, sono d'accordo. Ma ero comunque convinto di poter fare qualcosa di speciale, di diverso. Alzo lo sguardo e vedo leggende come Steven Spielberg, James Cameron, George Lucas, John Carpenter. Sono un fan del cinema di genere, naturalmente. Così ho pensato di poter fare di Aquaman un film di genere con i mostri marini. La DC, sostanzialmente, ha detto, 'Sì, puoi fare Aquaman contro i mostri marini se è quello che vuoi'."

Ma come sappiamo, da una grande libertà creativa derivano grandi responsabilità produttive e Wan è pronto ad assumersi la colpa se qualcosa con il film non dovesse funzionare. "Per un film grande come questo, non avrei potuto avere maggiore libertà. Avevo tutti i più grandi strumenti e il più grosso budget a mia disposizione per poter dipingere su una grande tela, ma con la libertà che avevo, diciamo, sui set di Saw e Insidious", ha detto. "Quindi che il film funzioni o non funzioni, meriti o colpe saranno tutti miei."

Warner Bros. Pictures presenta la nuova opera dell'acclamato regista James Wan, Aquaman, un’avventura visivamente mozzafiato ambientata nel mondo sottomarino dei sette mari con Jason Momoa nel ruolo del protagonista. Il film rivela la storia delle origini del mezzo-umano/mezzo-atlantideo Arthur Curry,e lo accompagna nel viaggio della sua vita, che non solo lo costringerà ad affrontare chi è veramente ma anche a scoprire se è degno di diventare ciò per cui è nato… un re.

Aquaman vede la partecipazione di Amber Heard (Justice League, Magic Mike XXL) nei panni di Mera, amante e alleata di Aquaman che lo accompagnerà per tutto il suo viaggio; Willem Dafoe (Platoon, L'Ultima Tentazione di Cristo) è Vulko, consigliere del re di Atlantide e mentore di Arthur; Patrick Wilson (The Conjuring, Watchmen) è Orm/Ocean Master, l’attuale Re di Atlantide e fratello di Arthur; Dolph Lundgren (I Mercenari, Creed II) vestirà i panni di Nereus, re della tribù di Atlantide Xebel; Yahya Abdul-Mateen II (The Get Down) quelli del vendicativo Black Manta; la vincitrice dell’Oscar Nicole Kidman (The Hours, Lion) come Atlanna, mamma di Arthrur e regina di Atlantide; infine Ludi Lin (Power Rangers) sarà Captain Murk, comandante di Atlantide.

Il film arriverà in Italia dall'1 gennaio 2019.

Quanto è interessante?
7

Gli ultimi Film in uscita in Homevideo BluRay e DVD li trovi in offerta su Amazon.it.

Aquaman

Aquaman
  • Distributore: Warner Bros. Pictures Italia
  • Genere: Azione
  • Regia: James Wan
  • Interpreti: Jason Momoa, Amber Heard, Willem Dafoe, Patrick Wilson, Dolph Lundgren
  • Sceneggiatura: Kurt Johnstad
  • +

Nelle sale Italiane dal: 01/01/2019

incasso box office: 10.099.239 Euro

Nelle sale USA dal: 20/12/2018

Che voto dai a: Aquaman

Media Voto Utenti
Voti: 79
6.8
nd