Aquaman: embargo finito, ecco le recensioni internazionali

Aquaman: embargo finito, ecco le recensioni internazionali
di

Sono online le prime recensioni internazionali di Aquaman, il nuovo film targato DC diretto da James Wan, con Jason Momoa nei panni del protagonista, Arthur Curry. Un discreto riscontro che va preso come sempre con le pinze ma che fa ben sperare, nel complesso, circa il risultato finale del film, soprattutto dopo le vicissitudini del DC Extended Universe.

L'attuale punteggio di Rotten Tomatoes è del 79% e in Cina il film sta già battendo molti record. Di seguito vi riportiamo alcune delle recensioni internazionali di Aquaman più significative.

The Hollywood Reporter: Quasi non esiste una scena in Aquaman che non abbia beneficiato del senso dell'umorismo di Jason Momoa. Nicole Kidman fa sentire il proprio peso specifico per breve tempo mentre Yahya Abdul-Mateen II ha un ruolo secondario. Tecnicamente, il film è tutto ciò che i fan si aspettano e l'ambientazione subacquea conferisce una sensazione a tratti d'incanto che la distingue dagli altri cinecomic.

IGN: In Aquaman viene fatto un ottimo lavoro di costruzione delle ambientazioni, Atlantide e le sue numerose regioni ricevono un trattamento ognuna molto diverso. Ci sono Atlantidei non reali o guardie, anche se speriamo di vedere un maggiore approfondimento su questa civiltà nei successivi film, così come nella saga di Thor abbiamo conosciuto il regno di Asgard.

Screenrant: Alcuni aspetti sono criticabili, ma non si può dire che questo film non ci provi veramente. Lo fa a tutti i livelli, forse fin troppo e addirittura quando tutto è fatto e finito. Solo perché è possibile trasformare il vino in coltelli volanti di vino non significa che i miracoli avvengono veramente.

EW: James Wan ha costruito un mondo intrigante, ma popolato da zucchero filato drammatico e personaggi sciocchi, incluso un eroe insicuro se farci ridere o emozionare. E che finisce per non fare nessuna delle due cose.

Collider: La cosa rinfrescante di Aquaman è che, nonostante tutte le bizzarrie tecnologiche, ha una trama sorprendentemente vecchia scuola, che ricorda i film degli anni '30 e '40 che hanno ispirato Indiana Jones.

Variety: La sceneggiatura non è particolarmente raffinata, piena di battute scontate che rendono i dialoghi dei fumetti quasi shakespeariani al confronto. Tuttavia Aquaman ha un chiaro senso dell'ironia.

IndieWire: Sceneggiatura confusa e personaggi bidimensionali. Una quantità infinita di scontri noiosi diluiti nella lunga durata del film. Ennesimo esempio di un franchise che tenta d'inseguire la concorrenza.

Aquaman è diretto da James Wan. Nel cast Jason Momoa, Amber Heard, Willem Dafoe, Yahya Abdul-Mateen II, Temuera Morrison e Nicole Kidman. Il film uscirà nelle sale italiane il 1° gennaio 2019.

Quanto è interessante?
10