Aquaman: una clamorosa teoria ribalta il ruolo di Arthur nel film DC

Aquaman: una clamorosa teoria ribalta il ruolo di Arthur nel film DC
di

Ci fu una teoria... Una teoria del web che voleva Arthur Curry come reale villain della pellicola DC diretta da James Wan, Aquaman. Leggiamola insieme.

Secondo un utente di Reddit, il personaggio interpretato da Jason Momoa nell'universo cinematografico DC sarebbe in realtà... Un villain.

Partito seguendo il tipo viaggio dell'eroe, per Symiir Arthur si sarebbe lentamente trasformato in un vero e proprio tiranno durante il corso del film a lui dedicato.

I primi due atti, infatti, non farebbero presagire un tale cambiamento... "Ma poi arriva il terzo atto. E qui Aquaman si trasforma da un Re pieno di speranze a... Un tiranno. Ed è tutto a causa di un certo tridente".

E continua, elaborando: "Quando Aquaman assume il controllo del Tridente, assaggia per la prima volta il vero potere. E tutto cambia. I suoi poteri sono aplificati, ma anche corrotti dal tridente.

Nel tentativo di fermare il fratello e il suo voler far guerra al popolo in superficie, Arthur scatena questo mostro in stile chtulu-kaiju nel mezzo del campo di battaglia, uccidendo svariati combattenti. Non è che lo abbia scaricato semplicemente addosso a Orm e il suo esercito. No, anche quelle povere persone granchio vengono abbattutte [...] Quindi ecco Aquaman in sella al mostro mitologico che sta praticamente facendo fuori tutti. E questo sarebbe un ingresso da eroe?".

No, non per lui. "Aquaman in quel momento non è un eroe, è terrificante, e sta conducendo l'incubo dell'infanzia di ogni abitante di Atlantide in battaglia"

Da questo punto in poi, secondo l'utente, l'intero modus operandi di Arthur è basato sulla paura e sull'incutere timore, incluso l'utlizzo dei Trench come alleati, i "corrotti e demoniaci Trench che tutti evitano", e il controllo che opera sui destrieri dei guerrieri.

Infine, la teoria si concentra sullo scontro finale, quello di Arthur contro il fratello Orm: "Se avesse semplicemente ucciso Orm, questi sarebbe diventato un martire, un'icona che avrebbe potuto portare alcuni abitanti di Atlantide a ribellarsi, un giorno".

Così Aquaman approfitta della situazione attuale e rivela il suo asso nella manica: la madre.

"Orm non ha scelta, perché Aquaman gli ha ridato la madre, e Aquaman può portargliela nuovamente via. Così si arrende, intrappolato dall'amore per il genitore".

Così Arthur ha vinto, ma si può ritenere una vittoria anche per il popolo di Atlantide?

"Alla fine della battaglia, Aquaman solleva il tridente in segno di vittoria verso gli Atlantidei, ricordandogli chi è che ha il potere. Gli pone così un implicito ultimatum: sottomettersi o perire.
Il popolo tifa per lui perché non ha scelta, è tenuto ostaggio con il tridente. Sanno cosa Aquaman potrebbe fargli. Ilmostro è vivo, i Trench gli obbediscono. L'unica persona che potrebbe sfidare la sua autorità ora è un uomo sconfitto, spezzato. Intrappolato dalle grinfia di un tiranno senza pietà, Aquaman".

E voi, cosa ne pensate? Fateci sapere nei commenti.

FONTE: DigitalSpy
Quanto è interessante?
5