Animali Fantastici 3, Jude Law: "Vi racconto la mia trasformazione in Silente"

di

Animali Fantastici: I Segreti di Silente è arrivato finalmente al cinema, e come da titolo uno dei grandi protagonisti di questo capitolo è proprio lui, il Professor Silente di Jude Law, che l'attore ci racconta in una nuova featurette.

Personaggio chiave di entrambe le saghe cinematografiche ambientate nel mondo magico nato dalla fantasia di J.K. Rowling, Albus Silente è anche uno dei protagonisti assoluti di Animali Fantastici 3, e l'attore Jude Law ci racconta un po' com'è portare sullo schermo l'amato professore di Hogwarts.

"Penso che Silente sia così amato perché è quel tipo di persona che vorremmo come ispirazione, come leader. Sembra immensamente buono, pieno d'empatia, e in grado di vedere del bene e il potenziale del bene in ognuno di noi" ha spiegato ai microfoni di Fandango "Ma si porta dietro i suoi principi con altrettanti dubbi e sensi di colpa, ma sempre con quel suo fare birbante, con un certo senso dell'umorismo che lo rende particolarmente attraente".

"È stato un privilegio per me interpretare questo personaggio personaggio per via dell'impatto che ha avuto su così ragazzi attraverso i libri di Harry Potter. E al cinema, sono stato davvero fortunato ad avere un'eredità così grande, a poter venire dopo due incredibili artisti come Richard Harris e Michael Gambon" afferma ancora nel video che trovate anche in calce alla notizia "Quindi avere modo di andare indietro nel tempo e costruire il personaggio esplorando il suo passato, le situazioni, gli ostacoli e tutto ciò che lo portano a essere l'uomo che vediamo poi dopo [in Harry Potter] è davvero il massimo per un attore"

Ma, spiega Law, nel ruolo di Silente si è calato davvero per la prima volta quando ha letteralmente indossato i suoi panni... "Per me forse, come può essere ovvio, è iniziato tutto davvero una volta messo il costume di scena, che abbiamo volutamente reso molto diverso da ciò porta nella saga principale, perché raccontiamo la storia di come è arrivato a essere quella versione di sé stesso [...]".

"Fin dall'inizio mi sono sentito libero di interpretare una mia versione di Silente. Il regista [David Yates] mi ha dato carta bianca nel senso che non mi ha fatto sentire obbligato a basare la mia interpretazione su quella di Gambon e Harris, ma di portare sullo schermo un uomo che aveva ancora tanta strada da fare prima di arrivare a quel punto" conclude.

E voi, siete già andati a vederlo? Qui trovate la nostra recensione di Animali Fantastici: I Segreti di Silente.

Quanto è interessante?
2