Andrew Garfield parla della morte della madre: "Le ho reso omaggio in Tick Tick Boom"

Andrew Garfield parla della morte della madre: 'Le ho reso omaggio in Tick Tick Boom'
di

Nel corso di una nuova intervista concessa al The New York Times, Andrew Garfield ha parlato per la prima volta della morte della madre, Lynn Garfield, a causa di un cancro al pancreas. Il tragico evento è accaduto poco prima dell'arrivo della pandemia globale di coronavirus e mentre Garfield si trovava sul set dell'adattamento di Tick, Tick... Boom!

Garfield nell'intervista ha specificato come "ogni frame, ogni momento, ogni respiro" del prossimo film musical che lo vede protagonista è un tentativo di onorare la memoria di Larson, il compositore americano e commediografo che creò Rent e che morì a soli 35 anni, ma a livello ancora più personale è un grande tributo alla madre. "Lei è qualcuno che mi ha mostrato che direzione prendere nella vita. Mi ha messo sul percorso giusto. L'abbiamo persa subito prima del COVID, prima di iniziare le riprese, dopo una lunga battaglia contro il cancro al pancreas. Da parte mia, sono riuscito a continuare la sua canzone sull'oceano e sull'onda delle canzoni di Jonathan. E' stato un tentativo di onorare lui e il suo lavoro incompiuto e lei e la sua canzone incompiuta e farli incornare".

Garfield ha raccontato che la connessione tra la madre e il suo prossimo film era così stretta che a un certo punto non voleva che il lavoro sul film finisse, aggiungendo che era stato un modo per "trasformare il mio lutto in arte, in questo atto creativo". Durante l'intervista, l'attore di Amazing Spider-Man ha raccontato i suoi ultimi giorni trascorsi con la madre condividendo la lettura delle sue poesie preferite e prendendosi cura di lei negli ultimi giorni insieme al padre e al fratello. Garfield ha dichiarato che, nonostante avesse già persone delle persone care prima, la morte della madre ha avuto un impatto enorme su di lui.

"Quando si tratta di tua madre è diverso. La persona che ti ha dato la vita non è più lì. Niente può prepararti a questo evento catastrofico. Per me è cambiato tutto. Dove prima c'era un fiume ora c'è una montagna; dove prima c'era un vulcano ora c'è un campo. E' uno strano viaggio".

La star di Hollywood ha rivelato di essersi finalmente aperto su questo tragico avvenimento dopo molta esitazione perché alla fine perdere un genitore è un'esperienza universale: "Il privilegio della mia vita è stato esserci per mia madre, essere la persone che le ha dato il permesso quando era pronta. Avevamo un legame straordinario e adesso il pubblico saprà che il suo spirito è in modo inconscio connesso a Jon, che ho trovato così magico e bellissimo".

Su queste pagine potete recuperare il trailer di Tick, Tick... Boom! il film musical Netflix di Lin-Manuel Miranda in uscita a novembre. Intanto, Garfield ha smentito gli ultimi rumor sulla sua presenza in Spider-Man: No Way Home.

Quanto è interessante?
3