All Eyez on Me: Steve McQueen sarà alla regia del documentario

di

Il regista premio Oscar Steve McQueen (12 anni schiavo), dirigerà il documentario sulla vita di Tupac Shakur, intitolato All Eyez on Me.

Nigel Sinclair della White Horse Pictures e Jayson Jackson produrranno ufficialmente il documentario, voluto dalla madre di Tupac, Afeni Shakur tramite la Shakur Estate, la compagnia creata per realizzare i progetti del cantante, artista e poeta, postumi.

McQueen ha dichiarato: "Sono estremamente commosso ed emozionato all'idea di esplorare la vita e il tempo (trascorso in vita), di questo leggendario artista. Ho frequentato la scuola di cinema NYU nel 1993 e ricordo lo sviluppo del mondo hip-hop in quel periodo, che si sovrapponeva al mio e l'incontro con Tupac avvenne grazie ad un amico in comune, in modo molto semplice. Pochi, se ci sono stati, hanno brillato più di Tupac Shakur. Non vedo l'ora di lavorare a stretto contatto con la sua famiglia per raccontare la storia di questo inarrestabile e talentuoso ragazzo."

"Il messaggio di Tupac è senza tempo, forte oggi come quando l'ha lanciato nel periodo in cui l'ho scoperto, nel 1990, anzi, forse è anche più forte ora", aggiunge Whalley. "La sua eredità è, purtroppo, vista solo attraverso il riflesso dei titoli di cronaca, delle controversie e del tragico concludersi della sua vita. Con questo film, mostreremo l'artista e il giovane uomo che visse al di là dei fatti di cronaca. Ho un obbligo verso Tupac e verso sua madre: assicurarmi che questo progetto vada in porto. Negli ultimi anni della sua vita, Afeni ed io abbiamo parlato spesso del suo desiderio di vedere raccontata la vera storia di suo figlio... Insieme col team che abbiamo formato, sarà un onore avere la possibilità di portare il documentario che Tupac ha iniziato nel 1996, finalmente a compimento."

"Sono felice di vedere il progetto che viene alla luce" ha detto Cox. "Questo è un qualcosa che mio nipote (Tupac), amava particolarmente e ci si appassionò molto in principio, quando lo creò, nel 1996 e mia sorella (Afeni) anche lo è stata fino alla sua morte, lo scorso Maggio. E' stata lunga la strada per arrivare fin qui. Non è mai stata nostra intenzione di riscrivere la storia di Tupac. Il nostro obiettivo è stato sempre quello di raccontare la sua vera storia, cosa che prima non è mai stata fatta completamente. Mia sorella mi diceva sempre: "Non dobbiamo difendere Tupac. il nostro compito è permettergli di essere visto nella sua completezza così che le sue azioni, le sue scelte e le sue parole possano permettergli di parlare per lui." E credo che questo film farà esattamente questo."

I finanziamenti per il documentario All Eyez On Me, arriveranno dalla Amaru Entertainment, che si occuperà anche della distribuzione.

Quanto è interessante?
3