Aladdin supera Avengers: Endgame come film con la programmazione più lunga del 2019

Aladdin supera Avengers: Endgame come film con la programmazione più lunga del 2019
di

Avengers: Endgame ha battuto ogni record e ha dominato le graduatorie di questo 2019 ma ora Aladdin di Guy Ritchie è riuscito a scalzarlo dalla vetta di una classifica. Distribuito il 24 maggio, Aladdin è ancora in programmazione su 105 schermi degli Stati Uniti e con 143 giorni all'attivo è il film del 2019 con la programmazione più lunga.

Un incasso certo non paragonabile a quello di Endgame - 1,05 miliardi da una parte e 2,79 dall'altra - ma un record non di poco conto.
Il produttore Dan Lin parlò così del film, dopo la firma di Will Smith:"Siamo stati così fortunati ad avere Will. All'inizio ci ha pensato un po' e penso che il figlio Jaden l'abbia incoraggiato e influenzato un po' nella scelta. Ma l'unico modo per lanciare questo film è farlo con la più grande star del cinema mondiale. Un ruolo così complesso, che richiede canto, danza, recitazione da dramma e da commedia. Richiede tutto il set completo d'abilità di un attore. Si tratta di un genio dell'hip-hop, nessun altro attore avrebbe potuto farlo come l'ha fatto Robin Williams e quindi Will ha interpretato il Genio nella maniera che solo lui può interpretare".

Tuttavia i produttori di Aladdin non si aspettavano tutte queste critiche sul Genio e certamente sono rimasti spiazzati. Soprattutto dopo il primo trailer pubblicato si sono diffuse diverse discussioni sul web che riguardano il look del Genio in un live action, dopo averlo visto nel Classico animato, doppiato da Williams in originale e da Gigi Proietti nel doppiaggio italiano.
In ogni caso la performance di Smith è stata soddisfacente e in una scena tagliata dal film si vede il Genio parlare di tre desideri finiti male.

FONTE: Comicbook
Quanto è interessante?
3