Air Force One, ecco perché Glenn Close si rifiutò di piangere sul set

Air Force One, ecco perché Glenn Close si rifiutò di piangere sul set
INFORMAZIONI FILM
di

Questa sera torna nelle tv italiane Air Force One, pellicola del 1997 diretta da Wolfgang Petersen che vede Harrison Ford nei panni di un Presidente degli Stati Uniti alle prese con un attacco terroristico durante il suo volo di ritorno da Mosca.

Il cast del film include anche Glenn Close nel ruolo della vice presidente Kathryn Bennett, la quale affronta la crisi da Washington D.C con grande determinazione e polso fermo. Tuttavia, durante un'intervista rilasciata a Vanity Fair lo scorso novembre, qualche settimana dopo che gli Stati Uniti hanno accolto la loro prima vice presidente donna (Kamala Harris), l'attrice ha rivelato che l'idea iniziale degli autori era un'altra.

Il personaggio avrebbe infatti dovuto reagire alle vicende del film in maniera molto più emotiva, ma la Close non era affatto d'accordo. "Ricordo che c'è una scena in cui lei scoppiava a piangere mentre era seduta a quel tavolo," ha raccontato. "E io ho dissi: 'Non lo farò. Non credo che andrebbe così. Non alla mia vice presidente. La mia vice presidente non scoppierebbe in lacrime, accetterebbe la sfida.' Così l'hanno cambiata."

A proposito del film, vi ricordiamo che nel 2019 alcune voci hanno suggerito l'arrivo di un possibile sequel di Air Force One. Per altri approfondimenti, vi lasciamo alle migliori performance di Glenn Glose al cinema.

Quanto è interessante?
1