di

Il film diretto dai registi colombiani Ciro Guerra e Cristina Gallego si mostra nel trailer italiano caricato sulle proprie pagine social da Academy Two. L’opera è stata presentata nella Quinzaine all’ultimo Festival di Cannes con il titolo Birds of Passage ed è stata selezionata nella short per la corsa agli Oscar come miglior film straniero.

L’arco narrativo del film si sviluppa sulle origini del narcotraffico colombiano, raccontata attraverso la storia epica di una famiglia indigena wayuu. Un clan familiare, con a capo una donna Ursula, che si trova coinvolto nel boom del successo del commercio di marijuana ai giovani americani negli anni ‘70. Quando avidità, passione e onore si scontrano, si scatena una guerra fratricida che metterà in gioco le loro vite, la loro cultura e le loro ancestrali tradizioni.

In una intervista i due registi colombiani hanno definito il lungometraggio un racconto noir, un gangster movie, con qualche accenno al genere wetern. Così lo descrive Ciro Guerra:

Per me è un film noir, un gangster movie. Ha anche qualcosa delwestern, della tragedia greca e dello stile dei racconti di Gabriel Garcia Marquez. (…) La funzione che i generi hanno oggi: preordinano la nostra comprensione del mondo e ci comunicano in anticipo il registro nel quale la storia sta per volgersi”.

Cristina Gallego, invece, ha discusso del codice di comportamento della popolazione dei wayuu, non poi così diverso da quello utilizzato dalla malavita contemporanea:

La civiltà che raccontiamo nel film, il popolo dei wayuu, vive rispettando codici di comportamento che non sono così dissimili da quelli usati dai gangster. (…) È un genere molto apprezzato nel mondo ma al nostro cinema non è permesso esplorarlo liberamente”.

Distribuito nelle sale cinematografiche italiane da Academy Two, la pellicola di Ciro Guerra e Cristina Gallego arriverà al cinema dal prossimo 11 aprile.

Quanto è interessante?
1