5 film erotici degli anni '90 da non perdere, da The Hot Spot a Exotica

5 film erotici degli anni '90 da non perdere, da The Hot Spot a Exotica
di

Dopo aver esplorato 5 scene scandalose del cinema erotico, oggi vi consigliamo 5 film erotici degli anni '90 da recuperare, dal thriller The Hot Spot al sensuale Exotica.

Ecco l'elenco di titoli da non perdere:

  • The Hot Spot di Dennis Hopper: a tutti gli effetti un noir, caldo e sudato e passionale, il cui protagonista (Don Johnson) però rimane intrappolato in un'estetica d'erotismo fatta di pericolose e sensuali femme fatale (una Virginia Madsen bella come non mai) e giovani ragazze angeliche dai foschi segreti (Jennifer Connelly). Uno dei miglior fil di Dennis Hopper, imperdibile.
  • Il danno di Louise Malle: rapporti incestuosi, suicidi, rimorsi e sfrenato erotismo tempestano il dramma di Malle, col protagonista Jeremy Irons che inizia una pericolosa relazione con Juliette Binoche, fidanza di suo figlio.
  • Legami di Pedro Almodovar: commedia piccante del regista spagnolo di culto, quasi un sequel ideale di Donne sull'orlo di una crisi di nervi, è la storia di un uomo appena dimesso dall'ospedale psichiatrico (Antonio Banderas) che finisce nell'abitazione di una pornostar (Victoria Abril), che ha appena ottenuto la sua prima vera parte da attrice in un film horror: lui la lega, come dice il titolo, nella speranza di farla innamorare. Le note di Ennio Morricone sottolineano il feticismo e il grottesco almodovariano, tratti generali di un film in cui erotismo e risate si scambiano i ruoli.
  • Tokyo Decadence di Ryu Murakami: La protagonista di questo film, a metà tra finzione e documentario sul fenomeno del sadomasochismo, è una giovane prostituta che asseconda tutte le richieste più perverse dei suoi clienti, alla ricerca dell'amante perfetto dopo aver perso l'amore della sua vita.
  • Exotica di Atom Egoyan: Francis (Bruce Greenwood) passa le sue serate solitarie all'Exotica, il locale notturno dove si esibisce la sinuosa e sensuale Christina (Mia Kirshner), nel frattempo però ha un rapporto ambiguo con Tracy (Sarah Polley), la figlia del fratello, e attrae la gelosia di Eric, il gestore del locale: un intreccio di frammenti narrativi e soprattutto psicologici alla solita maniera del cinema di Egoyan, qui più in forma che mai col suo esotismo implicito e allussivo.

Per altri approfondimenti recuperate il nostro Everycult su Crash di David Cronenberg, nel quale l'erotismo si mescola con la fascinazione per il corpo inorganico tipica dell'autore.

Quanto è interessante?
2