47 Meters Down, ecco Sistine Stallone e Corinne Foxx, figlie di Sylvester e Jamie

47 Meters Down, ecco Sistine Stallone e Corinne Foxx, figlie di Sylvester e Jamie
di

Come visto nel trailer di 47 Meters Down: Uncaged, il sequel dell'horror a base di squali avrà come protagoniste Corinne Foxx e Sistine Stallone, che come si intuisce dai cognomi sono le figlie delle star Sylvester Stallone e Jamie Foxx.

Le due ragazze sono state intercettate da Variety alla premiere del film, e hanno rivelato alcuni interessanti retroscena personali.

Ad esempio la figlia di Sly ha confessato di non aver mai pensato ad una carriera nel cinema prima di avere la possibilità di recitare in questo film: "Penso ancora che recitare sia qualcosa con la quale nasci, qualcosa che hai dentro oppure no. Credo che i più grandi attori di ieri e di oggi non abbiano avuto bisogno di formazione, per loro è una cosa naturale. È come essere un bravo cantante, è un dono della natura. Non credo che sia il mio caso. In più sono cresciuta in una famiglia con un attore così iconico, l'ultima cosa che volevo fare era recitare, perché era l'unica cosa di cui si discuteva giorno e notte dentro casa. Dicevo sempre: 'Qualsiasi altra cosa, proverò qualsiasi altra cosa ma non quella. Per questo film mi sono buttata, non mi aspettavo davvero di avere un ruolo, volevo solo mettermi a disagio e fare qualcosa di un po' diverso per me stessa. Non avrei mai pensato che l'avrei fatto davvero, alla fine."

Ad incoraggiarla è stata proprio Colinne Foxx, figlia dell'interprete di Django e co-protagonista del film.

"Sapere che avrebbe fatto il film con me è stato un tale sollievo”, ha ammesso la Stallone. “È stato davvero molto bello avere un volto familiare sul set."

Colline, dal canto suo, ha parlato di quanto sia stato orgoglioso di lei papà Jamie e del consiglio un po' goffo che le ha dato durante le riprese.

"È così orgoglioso di me, all'inizio non poteva nemmeno guardarmi senza iniziare a piangere. All'inizio volevo cambiare cognome, volevo crearmi una carriera da sola, ma poi ho imparato ad abbracciarlo negli ultimi anni. Per quanto riguarda il film ho avuto pochissimo tempo per prepararmi, perché non sapevo nuotare e ancora peggio, non sapevo nulla di immersioni. Abbiamo fatto solo una settimana di allenamento e ho dovuto imparare tutto in fretta. Mio padre non è stato di grande aiuto, anzi, mi ha dato il consiglio peggiore: a parte il fatto che mi chiamava costantemente su FaceTime durante le riprese, era come se fosse lì sul set, ma poi una volta mi disse: 'Dai, è talmente facile che può farlo chiunque!'. Certo che per lui è facile, ha vinto un Oscar!".

Per altri approfondimenti guardate il poster di 47 Meters Down.

Negli USA il film uscirà il 16 agosto, per quanto riguarda l'Italia non è ancora stata comunicata una data di lancio.

FONTE: Variety
Quanto è interessante?
3