007 No Time To Die, perché Daniel Craig ha lasciato il ruolo? I motivi del suo addio

007 No Time To Die, perché Daniel Craig ha lasciato il ruolo? I motivi del suo addio
di

No Time To Die ha registrato un debutto record nel Regno Unito, con quasi 7 milioni di dollari incassati il primo giorno. Il 25esimo capitolo della saga di James Bond sarà il film d'addio a Daniel Craig, che ha vestito i panni dell'agente 007 in ben 5 film, debuttando nel 2006 in Casino Royale. Ma come mai l'attore ha deciso di lasciare il ruolo?

Craig ha interpretato Bond per ben 15 anni, e oggi arriva un addio che sembra quasi naturale. L'attore aveva in verità già in mente di lasciare il ruolo dopo Spectre nel 2015, per cui aveva ricevuto un buon numero di commenti negativi, ma ha deciso di tornare per un ultimo, grande, capitolo. "Sentivo che bisognava finire qualcosa. Se avessi lasciato ai tempi di Spectre, qualcosa nella mia testa mi avrebbe detto 'avrei voluto aver fatto di più' ". Ma ora secondo lui è tempo che qualcun altro abbia la possibilità di interpretare l'agente 007.

In un'intervista rilasciata a GQ l'attore ha dichiarato che era una cosa che sarebbe successa prima o poi. Ha poi continuato "Non so bene cosa sia, forse aver avuto un altro figlio, forse semplicemente la vecchiaia. Ma con tutte queste cose, a un certo punto, ero tipo fanc*lo. Ci sono altre cose più importanti."

Un modo colorito di esprimersi, ma che fa capire chiaramente che era arrivata l'ora di passare il testimone. Secondo la produttrice si inizierà a cercare il prossimo James Bond dal prossimo anno, dunque per il momento possiamo ancora goderci il nostro agente 007.