"Stay in": la locandina di Get Out diventa parodia in tempi di quarantena

'Stay in': la locandina di Get Out diventa parodia in tempi di quarantena
di

Quando i tempi sono caotici e difficili può far bene provare a sdrammatizzare, ed è quello che fa una fan art ispirata al film horror Scappa - Get Out di Jordan Peele. La locandina del film si trasforma così in un invito a restare a casa, "Stay in", per fronteggiare al meglio l'emergenza Coronavirus.

L'immagine, che si può vedere in calce alla news, mostra il protagonista del film, Daniel Kaluuya, sulla famosa poltrona in pelle, con tanto di mascherina e con l'aria terrorizzata della locandina originale, che purtroppo ben si adatta all'atmosfera che si respira di questi tempi.

La parodia si riferisce naturalmente ai protocolli di auto-isolamento e di quarantena attualmente in atto in tutto il mondo, che vengono ancora disattesi in alcune zone, come negli Stati Uniti, dove lo stesso presidente Donald Trump fino a pochissimo tempo fa continuava a sottovalutare la gravità della situazione.

Gli autori della fan art hanno anche cambiato lo slogan del film, anche in questo caso adattandolo all'attualità: "Solo perché ti senti bene, non vuol dire che tu stia bene". Saggio consiglio, conoscendo la pericolosità dei cosiddetti asintomatici, che inconsciamente rischiano di propagare il virus credendo di non averlo contratto.

Scappa - Get Out è un horror basato sulla relazione tra Chris (Kaluuya) e Rose. Invitato per un weekend dai genitori della sua ragazza, Chris interpreta il comportamento eccessivamente accomodante della famiglia di lei come goffi tentativi di affrontare la relazione interrazziale della figlia, ma a poco a poco una serie di scoperte sempre più inquietanti lo portano a una verità che non avrebbe mai immaginato.

Se non l'hai ancora fatto leggi qui la nostra recensione di Scappa - Get Out, film che a quanto pare nonostante il successo al botteghino non avrà un sequel.

FONTE: movieweb
Quanto è interessante?
3
'Stay in': la locandina di Get Out diventa parodia in tempi di quarantena