The shock labyrinth: Extreme

The shock labyrinth: Extreme

Nelle sale Italiane dal: 18/02/2011

Regia:
Takashi Shimizu
Genere:
Horror
Sceneggiatura:
Daisuke Hosaka
Interpreti:
Yûya Yagira, Ai Maeda, Suzuki Matsuo, Ryo Katsuji
6

media su 7 voti

Inserisci il tuo voto

Dopo una lunga assenza Ken, un uomo riservato, fa ritorno alla città natale dove incontra Motoki, un amico d’infanzia. Scambiati i convenevoli di rito, Ken apprende che Motoki si è fidanzato con Rin, una ragazza cieca, anch’essa carissima amica d’infanzia. Non appena i tre si sono riuniti, si apprende che il gruppetto d’infanzia era composto in realtà da quattro persone e che Yuki, la quarta, è tornata in città proprio quel giorno. Al contrario di Ken, però, Yuki non arriva da una metropoli frenetica. Si scopre infatti che era scomparsa una decina di anni prima, dopo una visita alla Casa degli Orrori di un parco divertimenti. L’improvvisa ricomparsa della donna, molto fragile e turbata, nel salotto di Rin scatena una serie di eventi terrificanti. Gli amici riportano Yuki a casa, dove un coniglio giocattolo dallo sguardo torvo le provoca un attacco di panico, facendola cadere dalle scale. Assieme a Miyu, sorella minore di Yuki, il gruppo si precipita in ospedale, ma una volta arrivati i giovani capiscono che qualcosa non quadra. Nessuno infatti li soccorre e non si vede nemmeno l’ombra di un paziente. Nella confusione del momento, Yuki, che nel frattempo ha ripreso conoscenza, scappa lungo un corridoio, sparendo alla loro vista. Gli eventi successivi vedono Ken, Rin, Motoki e Miyu alle prese con una lunga notte di peregrinazioni attraverso i corridoi labirintici del finto ospedale, costretti ad affrontare il passato, a disseppellire ricordi rimossi da tempo, a mettere alla prova la propria resistenza mentale.

Articoli

    The shock labyrinth: Extreme Venezia 67
    5
    recensione 17:24,15 Ottobre 2010

    The shock labyrinth: Extreme

    Originario di Maebashi City, il giapponese classe 1972 Takashi Shimizu, il cui curriculum registico comprende titoli come Marebito (2004) e Reincarnation (2005), lo conosciamo sopr...