Marvel

Un villain camaleontico per Black Widow: chi è Taskmaster?

Addentriamoci nei pochi dettagli finora disponibili sul nemico che dovrà affrontare Natasha Romanoff nel nuovo cinecomic Marvel Studios.

speciale Un villain camaleontico per Black Widow: chi è Taskmaster?
Articolo a cura di

Poco più di tre mesi ci separano dall'uscita nelle sale del Black Widow di Cate Shortland, e tra interviste e materiale promozionale si comincia a formare lentamente un quadro della situazione molto promettente. Il cinecomic con protagonista Scarlett Johansson è ambientato come sappiamo tra gli eventi di Captain America: Civil War e quelli di Avengers: Infinity War, riconnettendo Natasha Romanoff con il suo passato, la sua famiglia e la sua patria. Un film chiamato da tempo dai fan e finalmente pronto a raccontare la genesi della Vedova Nera introdotta in Iron Man 2, anche se in modo disfunzionale rispetto a una più classica storia d'origini. Innanzitutto perché nella continuity del MCU la Romanoff è morta su Vormir in Avengers: Endgame, in secondo luogo perché il progetto si configura come una sorta di spin-off di Civil War, raccontando il periodo di latitanza della protagonista, e poi infine perché la storia della Stanza Rossa e dell'esperimento Vedova Nera verrà presumibilmente mostrata mediante flashback e scelte narrative "bretella" della storyline principale. E proprio in merito a quest'ultimo elemento, ruolo fondamentale lo avrà Taskmaster, a quanto pare villain principale del cinecomic di cui sappiamo ancora molto poco.

Un super-mimo per Black Widow

Dopo l'uscita del primo trailer ufficiale di Black Widow, avevamo ipotizzato la possibilità che sotto la maschera di Taskmaster potesse nascondersi qualche personaggio amico di Natasha, ma l'opzione non ci convince più. Dopo il secondo filmato è abbastanza chiaro come il nemico abbia una certa vicinanza al materiale fumettistico, specie nel costume e nelle abilità d'imitazione che lo rendono affascinante e molto pericoloso. Data la volontà di renderlo ineffabile come la controparte cartacea, sotto l'elmo del Taskmaster potrebbe effettivamente nascondersi Anthony "Tony" Masters, ex-agente dello SHIELD sottoposto al trattamento del Supersoldato con un siero diversamente elaborato rispetto a quello di Captain America, votato a sbloccare il 100% della memoria procedurale dell'individuo.
Inoculato il siero, Masters sviluppa degli incredibili riflessi fotografici che gli permettono di imitare alla perfezione e senza troppo sforzo gli stili di combattimento dei suoi avversari. Per "stile di combattimento" si intende il move set e le abilità fisiche di supereroi come Steve Rogers, Vedova Nera, Occhio di Falco o Black Panther, tutti personaggi di cui infatti si ha indizio di un'imitazione nel materiale promozionale finora trapelato online.
Nel primo trailer lo vediamo con un arco professionale in mano, molto simile a quello di Clint Barton, nello spot TV e nel primo art-work con uno scudo come quello di Cap e in una recente Funko POP! con dei guanti muniti di artigli che sembrano proprio essere quelli del costume di T'Challa, per non parlare dell'immagine leaked che lo vede in una posizione d'attacco identica a quella del Re del Wakanda.

Il fatto che non sia mai apparso in nessun film del Marvel Cinematic Universe finora prodotto e che abbia assimilato comunque gli stili di tutti questi personaggi, comunque, lascia presupporre che il Taskmaster cinematografico possa - come quello fumettistico - copiare i movimenti degli avversari anche vedendoli in video e per poco tempo.
Va da sé che il villain non riesca ovviamente a duplicare le abilità sovrumane degli stessi, dunque non la forza spropositata di Cap o Black Panther - in contesto - né ad esempio i poteri di Doctor Strange, Hulk, Visione e via discorrendo. Questo non lo rende purtroppo meno minaccioso, riuscendo a prevedere attacchi, strategie e contromosse di ogni controparte, a prescindere dalla loro natura.

Imitazione e memoria

Il discorso di imitazione e memoria procedurale dovrebbe infine toccare anche un piano tecnologico e avvicinarsi prepotentemente alla strumentazione di Iron Man. Nonostante non vi sia alcun tipo di conferma, al momento, sono in molti a credere che Taskmaster possa riuscire a duplicare diverse parti dell'armatura di Tony Stark, quasi sicuramente l'interfaccia del casco. Essendo il suo superpotere assimilabile a una sorta di memoria eidetica eccezionale, non facciamo fatica a credere che il nemico riesca attraverso un'acuta e attenta osservazione a ricostruire fedelmente e secondo le proprio esigenze l'attrezzatura tecnologica di Iron Man, come poi si percepisce anche da alcuni elementi del suo costume iper-avanzato.

Una delle più grandi fascinazioni di questo Black Widow è quindi relativa a quali stili di combattimento dei vari supereroi Marvel il Taskmaster sia riuscito a imitare, regalandoci forse anche qualche bella sorpresa, magari relativa ai lancia-ragnatele di Spider-Man. Questo lo scopriremo però soltanto il prossimo 29 aprile, giorno d'uscita del film nelle sale italiane.

Quanto attendi: Black Widow - Marvel Studios

Hype
Hype totali: 82
79%
nd