Uno stuntman chiamato Tom Cruise: le sequenze più folli della sua carriera

Nel corso della sua lunga carriera cinematografica, Tom Cruise si è cimentato in numerose imprese realmente folli. Eccone cinque.

speciale Uno stuntman chiamato Tom Cruise: le sequenze più folli della sua carriera
Articolo a cura di

Tom Cruise è un attore che non ha certo bisogno di presentazioni, forte della sua lunghissima (e solida) carriera cinematografica che, anche grazie alla saga di Mission: Impossible, lo ha reso una delle star hollywoodiane ancora oggi più amate dal grande pubblico.
Oltre ai numerosi successi, il divo è stato da sempre al centro della scena anche per la sua inclinazione a voler girare in prima persona le sequenze più pericolose, arrivando nel corso degli anni a collezionare un numero davvero elevato di stunt tanto spettacolari quanto folli.
Andiamo dunque a ripercorrere alcune delle imprese più assurde compiute da Tom Cruise in prima persona nel corso della sua - ormai quarantennale - carriera d'attore.

Mission: Impossible II (La scalata sulla parete rocciosa)

Il secondo Mission: Impossible è forse quello che più di ogni altro è entrato nel cuore dei fan. Lasciato infatti da parte il contesto da spy story (qui presente in maniera minore rispetto al primo capitolo) in favore di una concezione più action degli avvenimenti, la seconda avventura di Ethan Hunt ha portato l'intero brand a diventare un vero e proprio punto fermo per il genere action.
La regia di John Woo ha saputo infatti apportare una grande enfasi a praticamente ogni sequenza del film, grazie a un taglio estremamente dinamico e spettacolare.

Il film "inizia con il botto", mostrandoci un giovane Ethan Hunt passare il tempo facendo free climbing tra le montagne rocciose.
La scena, effettuata solo mediante l'utilizzo di alcune imbracature - ma senza rete di protezione - rimane ancora oggi come uno dei momenti cult del secondo film, capace di far venire i brividi tanto a chi soffre di vertigini quanto a chi le montagne le scala ogni giorno. Chissà John Woo cosa avrà pensato durante le riprese!

Mission: Impossible - Protocollo Fantasma (Il volteggio sul palazzo Burj Khalifa)

Il quarto episodio della celebre saga diretto da Brad Bird, che ha saputo rilanciare il franchise dopo il breve stallo post-terzo capitolo, ci regala un altro spettacolare stunt effettuato da Tom Cruise, ancora una volta senza controfigure.
Nella scena vediamo Ethan Hunt arrampicarsi come un novello Spider-Man su quello che all'epoca delle riprese era il grattacielo più alto del mondo.
Supportato da un equipaggiamento hi-tech, l'agente speciale si ritrova quindi a dover gestire una complicata situazione resa ancora più insidiosa da una tempesta di sabbia in arrivo.
L'incredibile scena arriva al suo culmine quando vediamo Tom Cruise correre in verticale sulla parete esterna del palazzo appeso a un cavo, dando così vita a una delle sequenze più spettacolari dell'intera saga.

Minority Report (La fuga dalla polizia)

Nel 2002 Steven Spielberg dirige Minority Report, l'ottimo film di fantascienza tratto dal racconto omonimo di Philip K. Dick.
Numerose le sequenze al cardiopalma, tra cui svetta molto probabilmente il momento in cui il protagonista John Anderton (interpretato ovviamente da Tom Cruise) deve sfuggire da alcuni agguerriti agenti di polizia che vogliono arrestarlo.

L'iconica sequenza in cui il protagonista tenta il tutto per tutto per salvarsi (che comprende anche il rimanere appeso a un agente dotato di jet pack) ha richiesto la costruzione di un set apposito, dato che lo stesso regista ha preferito ricreare una situazione dalla forte impronta practical, tentando di ridurre il più possibile l'utilizzo del green screen.

Mission: Impossible - Rogue Nation (La scena dell'aereo)

In un elenco di questo tipo non poteva di certo mancare la scena più pericolosa in assoluto girata dall'attore, che nel quinto capitolo di Mission: Impossible è arrivato addirittura ad appendersi (a mani nude) a un aereo, rimanendo incollato a esso anche in fase di volo.
La scena, che fin da prima dell'uscita del film è stata oggetto di un'intensa campagna marketing (in grado ovviamente di generare un hype smisurato tra i fan della saga), rappresenta al meglio l'indole realmente temeraria di Tom Cruise che, nonostante l'enorme pericolosità della stessa, ha fortemente voluto interpretarla in prima persona fin dal principio, arrivando a rigirarla addirittura per otto volte.
Che dire, una passione viscerale quella dell'attore per le alte quote, come testimoniato anche dal lancio HALO (un salto effettuato da 10.000 metri d'altezza mediante l'ausilio di tuta termica e bombola di ossigeno) visto in Mission: Impossible - Fallout.

Top Gun: Maverick (Pilotare un caccia)

A oltre trent'anni dall'uscita del primo film, il sequel di Top Gun riporta Tom Cruise nel ruolo dell'intraprendente protagonista Pete "Maverick" Mitchell.
L'attore, sempre pronto a mettersi in gioco, ha pensato bene di imparare a pilotare al meglio gli aerei da guerra che compaiono nel film per regalare agli spettatori un senso di immersione totale nelle vicende narrate (senza comunque dimenticare anche un pizzico di egocentrismo).

Ed è quindi così che ha preso vita uno dei più sentiti - e folli - stunt dell'attore, che si è trasformato in un vero e proprio pilota di caccia anche fuori dal set - entrando così ancora più in simbiosi con il personaggio da lui interpretato.
Per dare ovviamente tempo a Tom Cruise di prendere dimestichezza con il particolare mezzo, le stesse riprese del film sono state posticipate, a testimonianza del peso che l'attore detiene anche all'interno delle dinamiche produttive hollywoodiane.
Non resta quindi che attendere questa estate per vedere nel dettaglio le nuove prodezze che Cruise ha riservato a noi comuni mortali, pronto a sfrecciare più veloce che mai nei cieli cinematografici (e non) di tutto il mondo.

Quanto attendi: Top Gun: Maverick

Hype
Hype totali: 80
68%
nd