Speciale Un Halloween 2013 in digitale!

Alberi maledetti, alieni, vampiri e bigfoot per la notte più spaventosa dell'anno!

Articolo a cura di

Gli alberi cominciano a essere sempre più spogli e, di conseguenza, spettrali, accompagnando desertiche strade unicamente illuminate da quella poca luce di un sole offuscato dalle grigie nubi e pronto a lasciare presto spazio alle tenebre.
Non sentite questa leggera sensazione di freddo, quel lieve vento che fa accapponare la pelle a ogni suo passaggio?
Non c'è assolutamente nulla di anormale cari zombi dell'era digitale, si sta soltanto avvicinando, ancora una volta, la notte di Halloween, amata in particolare dal mascherato e invulnerabile Michael Myers per fare scempio di giovinastri in vena di peccati assortiti.
Ma il caro vecchio Myers, come ormai sappiamo, non è l'unico interessato a insanguinare la vigilia d'Ognissanti, in quanto non poche sono le disgustose e disprezzabili creature come noi che si dilettano a tormentare donzelle indifese e ragazzotti in vena di scherzi durante la notte del 31 Ottobre.
Notte che in tanti, per tenerci lontani, affrontano esorcizzando le proprie paure tramite lettori dvd nutriti con putrescenti titoli sfornati dal sempre più ributtante mercato dell'home video. Da bravi masochisti, cerchiamo di consigliargliene qualcuno.

L'albero del male

Assunta da Phil (Dwier Brown) e Kate (Carey Lowell) per far sì che si prenda cura del loro piccolo Jake, nato da poche settimane, l'affascinante Camilla (Jenny Seagrove) sembrerebbe una governante perfetta, sempre amorevole ed attenta nei confronti del bambino... se non fosse per il fatto che, in realtà, nutre un secolare albero maledetto dandogli in sacrificio proprio i neonati che riesce a portare via alle famiglie presso cui si trova a lavorare.
Diretto nel 1990 da William"L'esorcista"Friedkin partendo dal romanzo The nanny di Dan Greenburg, un incubo di celluloide che, immerso nelle cupe atmosfere garantite dalla bella fotografia di John A. Alonzo, viene riscoperto su supporto dvd dall'attivissima Pulp Video, che lo propone con una gustosa sezione extra comprendente, insieme al trailer e alla galleria fotografica, interviste al regista, al co-sceneggiatore Stephen Volk e alla Seagrove.
Tra corteccia divora pargoli e liquido rosso pronto a schizzare all'occorrenza, le sequenze memorabili dei circa ottantotto minuti di visione rimangono, senza dubbio, il massacro di tre bulli per mano della sequoia, la tesa sequenza in casa dell'amico dei due protagonisti e quella finale.

La morte scarlatta viene dallo spazio

Con l'obiettivo di catturare alcuni scienziati che possano costruire le loro navi, forme di vita aliene approdano sulla Terra manifestando la capacità di condizionare la volontà di tutti gli esseri umani; ad eccezione, però, del dottor Temple (Robert Hutton), nel cui cranio è stata inserita una calotta d'argento in seguito a un incidente stradale.
Di conseguenza, mentre gli extraterrestri diffondono una misteriosa e mortale epidemia, è proprio il dottore a studiare un piano per liberare gli abitanti della Terra dal loro potere, nel corso di un movimentato fanta-horror prodotto nel 1967 dalla gloriosa Amicus e firmato dal suo regista di fiducia Freddie Francis, autore, tra l'altro, delle pellicole a episodi Le cinque chiavi del terrore e Racconti dalla tomba.
Tratta dal romanzo Gli dei odiano il Texas di Joseph Millard, è sempre Pulp Video a recuperare dal dimenticatoio questa variante zombesca del super classico L'invasione degli ultracorpi, comprendente nel cast il Michael Gough poi riciclatosi maggiordomo di Batman nelle quattro pellicole degli anni Novanta riguardanti il supereroe della DC Comics.

Nosferatu a Venezia

Evocato dalla nobile veneziana Helietta Canins (Barbara De Rossi) nel corso di una seduta spiritica, Nosferatu (Klaus Kinski), signore delle tenebre, torna a Venezia alla ricerca di una donna che aveva amato secoli prima e che sembra essersi reincarnata proprio in colei che lo ha richiamato dalle tenebre.
Partendo da questo semplicissimo pretesto, il carismatico Kinski torna ad incarnare il vampiro protagonista nel 1979 dell'herzoghiano Nosferatu - Il principe delle tenebre per mietere vittime tra tutti coloro che intendono tentare di impedirgli di raggiungere Helietta, mentre si muove silenziosamente tra palazzi patrizi e calli della suggestiva città lagunare.
Con l'introduzione di un'inedita teoria vampiristica che vuole un succhiasangue dormire ventiquattro ore ogni ventiquattro giorni, annientabile facendogli bere del mercurio e in grado di porre fine ai propri tormenti trovando una vergine che lo ami e accetti di giacere con lui, prende forma uno degli ultimi esempi di exploitation tricolore su celluloide, datato 1988, ma, in realtà, girato due anni prima.
Del resto, la lavorazione fu non poco travagliata, in quanto, sebbene a firmare la pellicola sia il produttore Augusto Caminito, la regia sembra essere stata curata, in verità, da Luigi Cozzi, il quale prese il posto dell'inizialmente convocato Mario Caiano, che abbandonò il film a causa delle uscite fuori di testa di Kinski (pare che gli abbia tirato in faccia lo specchietto per il trucco).
È CineKult a riscoprirlo in dvd.

Bigfoot

Cinico organizzatore di eventi, Harley (Danny Bonaduce), nonostante i dubbi degli ambientalisti e del suo ex socio Simon (Barry Williams), intende mettere in piedi un grandissimo concerto alle pendici del monte Rushmore, nel South Dakota; senza immaginare, però, che il leggendario Bigfoot alloggi nel posto da decenni e, destato dopo un lungo torpore, comincia ad uccidere chiunque capiti sul suo cammino.
Bigfoot che, con abbondanza di effetti digitali concepiti a basso costo, vediamo in azione fin dai primissimi minuti di questa divertente produzione Asylum (la stessa del chiacchierato Sharknado, per intenderci) firmata dallo stesso Bruce Davison che interpretò Willard e i topi, qui presente anche nel ruolo di sceriffo.
Quindi, con la ex bomba sexy Sherilyn"Twin peaks"Fenn nei panni della sua collega di lavoro e la rock star Alice Cooper in quelli di se stesso, arrivando anche assurdamente ad affermare di dover presentare un suo libro sul golf (!!!), il divertimento, come c'era da aspettarsi, procede all'insegna delle imprese portare avanti dal mostro scimmiesco, impegnato a mangiare vivi gli individui che incontra, quando non li schiaccia o divide in due.
Fino ad arrivare a elicotteri afferrati al volo e allo scontro finale sul Monumento nazionale ai presidenti.
Distribuito in dvd da Minerva pictures.