Marvel

Tutti vogliono essere Wolverine: le star di Hollywood a caccia del ruolo

Tra tutti i personaggi dei Fantastici 4 e degli X-Men in arrivo nel MCU, per le star di Hollywood il più accattivante resta il mitico Logan.

speciale Tutti vogliono essere Wolverine: le star di Hollywood a caccia del ruolo
Articolo a cura di

Il fascino del cattivo ragazzo piace un po' a tutti. Quell'aria sofferta e misteriosa, un carattere ruvido e scontroso che cela in realtà un cuore buono ma stretto nella morsa di chissà quale dramma, quale passato difficile e quali sofferenze inimmaginabili. Non cattivo perché malvagio ma in senso meno drastico, contrapposto insomma all'ingenuità spesso fin troppo retorica e ridondante dei buoni in quanto buoni, parlando di quei personaggi che non trovano equilibrio con sfumature caratteriali significative.
A pochi piace interpretare i buoni ingenui come il Ciclope degli inizi o dell'era mutante in casa Fox e molti, invece, desidererebbero vestire i panni di un protagonista viscerale, complesso e potente come Wolverine, finora interpretato al cinema da un solo, mitico attore: Hugh Jackman. La sua ora è però passata, dopo un incredibile addio nel Logan di James Mangold, e con l'atteso reboot degli X-Men in casa Marvel Studios sono già diversi gli interpreti che hanno alzato la mano per accaparrarsi il ruolo.

Cuore animale

Il personaggio di Wolverine ha sempre vissuto in bilico tra due anime: quella da supereroe e l'altra da anti-eroe. Villain mai (o meglio, poco) per una questione di basilare senso di giustizia, di un particolare atteggiamento verso il prossimo in difficoltà, nonostante una profonda e animalesca sensibilità alla violenza e all'azione. Si mette insomma in gioco a favore del bene ma non sempre i suoi rozzi e primordiali metodi sanguinolenti ne giustificano l'operato, venendo spesso etichettato come uno di quei personaggi incapaci di reprimere a comando gli istinti più brutali e selvaggi.
L'espressività trattenuta e accigliata di Jackman ha aiutato non poco la transizione fumetto-cinema del personaggio, che grazie all'attore è praticamente schizzato fuori dalle tavole Marvel trovando un volto iconico e perfetto, nonostante le ventennali critiche sul fatto dell'altezza della star australiana (sì, nei fumetti raggiunge appena 1 metro e 61 centimetri).

Hollywood è però disinteressata a questo particolare elemento, anche perché trovare l'attore adatto al ruolo non sarebbe cosa facile partendo da un simile presupposto, o almeno non tra quelli più amati e in linea con quel particolare talento richiesto. Ci sarebbe Tom Hardy, sì, e sarebbe più che onesto nella parte, ma impegnato com'è in Venom (di casa Sony ma comunque anti-eroe Marvel) difficilmente penserà di indossare maschera e artigli per gettarsi a capofitto nella mischia MCU.
Si punta allora più alto (metricamente parlando) con altri nomi altrettanto importanti e amati della scena Hollywoodiana, che curiosamente la produzione del reboot degli X-Men non deve neanche provare a chiamare, visto che hanno già dato disponibilità a interpretare il buon vecchio Logan. E fidatevi: sono uno meglio dell'altro.
L'esercizio è difficile ma dovete farlo: dimenticate per un istante il volto di Jackman nei panni di Wolverine e andate oltre l'idea di vedere Hardy nel ruolo. Fatto?
A desiderare (sì: desiderare) di calarsi nella parte del Mutante ci sono infatti alcuni degli attori più interessanti del momento, protagonisti di serie TV cult, franchise miliardari e veri idoli del web.

Non scherziamo quando diciamo che, già da ora, i Marvel Studios hanno l'imbarazzo della scelta nelle future fasi di casting, che se frequentate davvero dagli attori qui elencati saranno solo per questo importantissime e di grande curiosità mediatica.
A seguire vi riporteremo però soltanto i nomi degli interpreti che hanno espresso la volontà di prestare il loro volto a Wolverine, il che significa che ci sono altre decine di performer competenti e capaci che i Marvel Studios potrebbero prendere in considerazione, anche personalità meno famose che a noi, probabilmente, sfuggirebbero.

I presenti all'appello

Sorvolando sull'opzione Danny DeVito mossa da alcuni burloni, iniziamo subito da lui: Keanu Reeves, il Man of the Hour, l'angelo di Internet, l'attore più adorato del momento. In una recente intervista gli è stato chiesto quale supereroe gli piacerebbe interpretare e Reeves ha risposto: "Sin da ragazzino, mi è sempre piaciuta l'idea di interpretare Wolverine... quindi sì, amerei recitare nei suoi panni". Ovviamente la dichiarazione ha fatto impazzire tutti i fan del personaggio, che si sono prontamente scomodati per creare una petizione rivolta ai Marvel Studios per avere Reeves nel ruolo e anche per immaginare l'interprete come Wolverine in alcune fan-art. È intrigante poi non escludere a priori l'attore, visto che Kevin Feige ha attualmente rivelato che "per ogni film sviluppato negli ultimi anni, i Marvel Studios hanno sempre discusso con Keanu Reeves di una parte", finora mai arrivata perché "è una cosa che vogliono fare per bene". La morale è che tutti amano Keanu Reeves, anche i Marvel Studios.
Andando oltre la cotta collettiva per la star di John Wick, interessante è anche il fatto che Jason Momoa si sia fatto avanti per dare il volto a Logan nel MCU, forse dimenticandosi dei suoi impegni con la DC Films e Aquaman (ha comunque dichiarato la cosa con serietà).

Certo sarebbe il Wolverine più pompato della storia e forse non così amato come un Reeves-Wolverine, ma sicuramente brutale ed efficace, di una possanza persino più criticabile di quella di Jackman, un vero bulldozer in movimento.
Forse per questo potrebbero essere più funzionali un volto e un fisico come quelli di Scott Eastwood, classe 1986, altezza 1 metro e 80. Il figlio di Clint Eastwood si è fatto molta strada nel cinema d'azione e di genere, divenendo un interprete mediamente molto richiesto dalle produzioni e dagli studios, anche grazie a quella fulgida e pulita bellezza che tanto piace agli amanti della perfezione estetica.

Rispetto al Wolverine dei fumetti, e anche ai due colleghi sopra citati, è però troppo sbarbatello e "rovinato", il che significa soltanto lasciarsi crescere più barba e assumere un atteggiamento "da rinnegato", come lo definisce lui stesso: "Adoro Wolverine, è un rinnegato con carattere. È una mina vagante e il tipo di personaggio che amo e che mi piacerebbe interpretare". A noi non dispiacerebbe, essendo anche una di quelle star in linea con il Marvel-pensiero (lasciate fuori la politica, altrimenti non ne usciamo con gli Eastwood), eppure ancora meglio di lui (ma non meglio di Reeves: quello mai!) ci sarebbe anche l'apprezzato Tom Payne di The Walking Dead, che non solo si dice "interessato a partecipare ai futuri casting per Wolverine" ma che ha anche il physique-du-role migliore tra tutti quelli elencati: folta barba, fisico pompato, recitazione adeguata e altezza di 1 metro e 75. Ripetiamo: c'è davvero l'imbarazzo della scelta.